15 Giugno 2016

Assicurazioni: consumatori, calo Rc Auto ancora insufficiente

Assicurazioni: consumatori, calo Rc Auto ancora insufficiente

(AGI) – Roma, 15 giu. – Il calo delle tariffe Rc Auto nel 2015 “appare ancora insufficiente ad allineare i prezzi delle polizze italiane alla media europea”. Lo afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, sottolienando che “senza alcuna giustificazione in Italia l’rc auto continua a costare piu’ che nel resto d’Europa. L’aspetto piu’ grave, tuttavia”, aggiunge in una nota, “e’ che vi siano ancora differenze di prezzo abissali all’interno del nostro stesso paese. Gli assicurati residenti in regioni come Campania, Puglia e Calabria continuano a pagare tariffe stellari: per assicurare una automobile in Campania, ad esempio, si arriva a pagare il 140% in piu’ rispetto a Friuli e Valle d’Aosta. L’Ivass deve operare affinche’ si arrivi ad una maggiore equita’ nel settore rc auto, e perche’ tutti i cittadini possano godere delle riduzioni tariffarie, non solo coloro che risiedono nel centro-nord”.
   Anche ai presidente di Federconsumatori e Codacons, Rosario Trefiletti ed Elio Lanutti, quello diffuso dall’Ivass, “sembra un dato di fronte al quale non c’e’ nulla di cui rallegrarsi. L’obiettivo”, sottolineano in una nota, “e’ eliminare un divario ingiustificato e ingiustificabile, che conferisce all’Italia il primato per le polizze rc auto piu’ care d’Europa. Ma vi e’ un altro dato contraddittorio: se i contratti con scatola nera sono arrivati a 1/6 del totale, non dovrebbe voler dire che il rischio di frodi (ovvero l’alibi utilizzato dalle compagnie per applicare gli aumenti) si e’ ridotto in maniera notevole e quindi che gli aumenti non hanno alcuna ragione di sussistere? Invece, soprattutto al Sud, prosegue il vero e proprio salasso operato dalle compagnie. Ci auguriamo, in tal senso, che entri in vigore al piu’ presto la misura che prevede un adeguamento a livello nazionale delle tariffe per gli automobilisti virtuosi (secondo il quale un automobilista virtuoso con costo medio del premio superiore alla media nazionale che non abbia avuto sinistri con responsabilita’ da almeno 5 anni e abbia installato sul proprio veicolo la scatola nera, deve pagare la stessa tariffa di un automobilista con le stesse caratteristiche e nella stessa classe con un costo medio del premio inferiore alla media nazionale). Inoltre chiediamo all’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni di valutare con maggiore attenzione l’andamento del mercato e di intervenire concretamente per rendere tale settore piu’ competitivo e piu’ trasparente. Si tratta di due caratteristiche vitali per la correttezza del mercato, ma che, come denunciamo da anni, in questo ambito sono estremamente rare”. (AGI) Mau

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox