7 Maggio 2015

Arretrati Inps, sono a rischio i rimborsi per gli assegni più alti

Arretrati Inps, sono a rischio i rimborsi per gli assegni più alti

A rompere gli indugi ci pensa Enrico Zanetti che a proposito della sentenza della Consulta sulle pensioni esclude «che sia possibile restituire a tutti l’ indicizzazione delle pensioni, per quelle più alte sarebbe immorale e il governo deve dirlo forte. Occorre farlo per le fasce più basse». Il sottosegretario all’ Economia, e leader di Scelta civica, dice di parlare «a titolo personale», ma intanto il sasso è lanciato. Da palazzo Chigi filtra un primo commento informale che giudica «compatibile con la sentenza della Corte» il fatto di «non rimborsare» tutti. Renzi però non sembra d’ accordo e a sera, sempre da palazzo Chigi, una seconda fonte corregge la rotta: «Sul tema pensioni valgono le parole del ministro Padoan». Il quale continua a tenersi sulle generali e spiega: «Stiamo pensando intensamente sia agli aspetti istituzionali sia a quelli di finanza pubblica. Stiamo pensando a misure che minimizzino gli effetti sulla finanza pubblica, nel pieno rispetto della Corte». Imbarazzo nel governo Nel frattempo, dopo che l’ ex ministro Cesare Damiano aveva chiesto al governo di parlare con una voce sola, anche il sottosegretario Zanetti precisa: «La mia posizione è la posizione di uno dei tre partiti che sostiene la maggioranza, non c’ è antitesi con quanto detto da Padoan, c’ è una differente lettura». Avvisa il presidente della Commissione Bilancio Francesco Boccia: «Giusta la precisazione di palazzo Chigi: sulle pensioni bisogna essere chiari e rigorosi perchè parliamo della vita di milioni di persone». L’ idea di non pagare tutto il dovuto, ovviamente, scatena le polemiche. «La Lega farà le barricate, e ci impegniamo affinché venga restituito a tutti fino all’ ultimo centesimo. Noi siamo pronti a occupare fisicamente il ministero del Tesoro», minaccia il segretario Matteo Salvini. Mentre il Codacons è pronto a «denunciare premier e ministro per abuso di atti d’ ufficio se tenteranno di «svuotare» la sentenza. Il costo dei rimborsi La Cgia di Mestre stima che il conto totale dei rimborsi possa arrivare a quota 16,6 miliardi di euro e non è un caso che da Bruxelles arrivi un ennesimo altolà a risolvere la questione rapidamente. Per la Uil (grafico a destra) a chi percepisce una pensione di 1500 euro lordi al mese spetta una rivalutazione di circa 85 euro al mese e 2540 circa di rimborso totale compresi trascinamenti. La sentenza della Consulta è autoapplicativa e questo fa cadere l’ ipotesi di un decreto blocca-ricorsi. Il governo conta comunque di risolvere a breve la questione forse già al consiglio della prossima settimana.
paolo baroni

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this