3 Luglio 2019

Arcelor, respinto ricorso sul piano ambientale

Sale la protesta attorno all’ ex Ilva di Taranto, ora ArcelorMittal. Dopo la rottura con i sindacati sulla cassa integrazione per 1400 addetti, lo sciopero del 4 luglio di 24 ore, 8 per ciascuno dei tre turni, coinvolgerà anche il personale dell’ indotto-appalto oltre a quello diretto del siderurgico. La protesta riguarderà tutto il polo dell’ acciaio a Taranto. Fim, Fiom e Uilm hanno deciso l’ estensione perché contestano alla multinazionale «un atteggiamento fortemente unilaterale e tristemente in continuità col passato». Intanto l’ infinita battaglia giudiziaria attorno all’ ex Ilva registra che il Consiglio di Stato, con due provvedimenti, ha respinto i ricorsi di Peacelink e Codacons per l’ annullamento del Dpcm di settembre 2017 sul piano ambientale. Si trattava di ricorsi straordinari al capo dello Stato. Il Consiglio di Stato ha formulato il suo parere istruttorio. Diverse le contestazioni sollevate nei ricorsi. In particolare a Peacelink, che ha richiamato la sentenza della Corte europea diritti dell’ uomo che ha condannato lo Stato italiano per l’ inquinamento Ilva, il Consiglio di Stato osserva che «da tale sentenza della Corte sovranazionale non si possono desumere argomenti idonei ad inficiare, in via diretta, la validità del Dpcm». © RIPRODUZIONE RISERVATA.
d.pa.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox