10 Novembre 2014

Apre a Roma la metro C Prima corsa con… guasto

Apre a Roma la metro C Prima corsa con… guasto

Davide Muscillo ROMA Roma si sveglia con una nuova linea metropolitana. La terza, dal nuovo colore verde e coi nuovi treni “driveless”, senza conducente. La metro C è in funzione da ieri mattina all’ alba. Un debutto non proprio fortunato, visto che il primo treno si è fermato prima del capolinea. Un guasto tecnico unito ad un disguido del customer care: risultato, fermi per circa 11 minuti i primi viaggiatori. Sulle neonate metro della Capitale sembra ormai aleggiare una sorta di “maledizione”. Anche la diramazione della linea blu, la B1 che collega piazza Bologna con Conca d’ Oro, non ebbe momenti facili già dall’ inaugurazione nel 2012: una serie di problemi tecnici la misero più volte ko. Ieri, seppur in misura più contenuta, stesso copione. Dai megafoni una voce ha avvisato: «Corsa limitata. Cambio di destinazione» e il primo treno della nuova metro C, partito dalla stazione di Centocelle, non è arrivato al capolinea con i passeggeri a bordo ma si è fermato a causa di un inconveniente quattro stazioni prima, alla fermata Due Leoni -Fontana Candida, dove sono stati fatti scendere dai vagoni i primi viaggiatori. Dopo circa undici minuti gli unici “sfortunati” passeggeri – visto che poi per tutto il suo primo giorno la metro C non ha regi strato altri problemi – sono stati fatti salire su un altro treno con destinazione Pantano. Il problema sarebbe stato dovuto al sistema “driveless”, proprio quel software che era stato uno dei “nodi” al centro della mancata autorizzazione da parte della commissione collaudo del ministero dei trasporti, per l’ 11 ottobre. Ad inaugurare la nuova infrastruttura, che la Capitale aspettava da 7 anni tra inchieste, ritardi e all’ ultimo un’ apertura slittata di un mese, il sindaco di Roma Ignazio Marino. Un viaggio -sfilata con gli assessori della giunta che, per unirsi al primo cittadino, sono saliti uno ogni fermata, fra cittadini entusiasti ma anche chi ha espresso le prime critiche: il Codacons denuncia ascensori e scale mobili fuori uso, sedili scomodi e temperature eccessive nei vagoni.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox