19 Settembre 2012

Anziana aggredita da un rottweiler a Pontecagnano

Anziana aggredita da un rottweiler a Pontecagnano

Quella avvenuta ieri in via Picentino «èl’ ennesima aggressione di un rottweiler, secondo solo al pitbull per numero di aggressioni gravi, che dimostra come l’ abolizione, da parte del sottosegretario alla Salute Francesca Martini (governo Berlusconi), della vecchia ordinanza Turco che stabiliva l’ obbligo per i padroni di pitbull e rottweiler di condurre i cani sia con il guinzaglio che con la museruola nei luoghi aperti al pubblico, sia stata una scelta irresponsabile». Lo sottolinea in una nota il Codacons, che chiede anche il patentino obbligatorio per chi possiede una delle 17 razze, dal pitbull al Rottweiler, individuate come “pericolose” dall’ ex ministro Sirchia. PONTECAGNANO Stava rientrando a casa a piedi dopo aver fatto alcune compere quando un cane di razza rottweiler, sebbene al guinzaglio della sua padrona, l’ ha attaccata azzannandola alla gamba sinistra, procurandole una profonda ferita. Brutta disavventura ieri mattina per una 86enne di Pontecagnano: l’ anziana, intorno alle 11, in via Picentino, è stata attaccata dal cane. In pochi secondi si è scatenato il panico: a prestare i primi soccorsi alla pensionata è stata la stessa proprietaria del rottweiler che, dopo aver bloccato il suo cane, insieme ad alcuni passanti ha allertato la centrale operativa del “118”. Sul posto si sono prontamente recati i volontari dell’ Humanitas che hanno prestato soccorso alla donna per poi trasportarla al pronto soccorso dell’ ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’ Aragona. I sanitari del nosocomio salernitano hanno provveduto a suturare le ferite alla gamba riportate dalla donna a causa dell’ aggressione dell’ animale ed hanno dimesso l’ anziana donna, che ha quindi potuto far ritorno a casa. La donna era stata accompagnata in ospedale anche dalla proprietaria del cane, ovviamente preoccupata per le sue condizioni. Questa volta, per fortuna, non ci sono state gravi conseguenze. L’ episodio verificatosi ieri mattina in via Picentino ha tuttavia riportato alla mente la tragedia verificatasi quattro anni fa sempre a Pontecagnano Faiano in via Magellano, zona rurale della città, non lontano dalla litoranea. In quella occasione una 61enne, Paola Palmieri, che stava provvedendo a rifocillare i suoi due pitbull nel giardino di casa, fu improvvisamente aggredita e sbranata dall’ esemplare femmina. A nulla valsero le urla dei vicini di casa mentre l’ animale si accaniva contro la donna: il pitbull fu poi ucciso a coltellate dal figlio della vittima. Era il 6 maggio del 2008 e la tragedia scosse notevolmente l’ intera comunità di Pontecagnano Faiano. Diversi mesi fa, sempre nella città picentina, un altro cane assalì, per motivi non chiari, il padre del suo “padrone”: in quella circostanza l’ anziano riuscì a cavarsela rifugiandosi in un’ altra stanza della casa. Ieri, quindi, l’ ennesimo episodio nella città picentina, con un epilogo fortunatamente ben diverso da quello del 2008. Un episodio che ripropone comunque la necessità di norme più stringenti per i padroni di questi animali. Marco De Simone ©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this