3 Agosto 2017

Antitrust: viaggi economici nascosti, multa da 5 mln per Trenitalia

 

L’antitrust ha inflitto a Trenitalia una multa da 5 milioni di euro per una pratica commerciale scorretta nei confronti dei consumatori. In pratica attraverso il sistema telematico di ricerca e acquisto di biglietti accessibile dal sito aziendale, tramite i self-service di stazione e la app Trenitalia per smartphone e tablet ometteva numerose soluzioni con treni regionali, generalmente più economiche, pur trattandosi di alternative sostituibili a quelle mostrate, alterando e influenzando in questo modo la scelta del consumatore. La soluzione di viaggio che prevedeva un cambio e l’utilizzo di treni regionali non era mai inclusa nei risultati di ricerca ed era rintracciabile solo attraverso la specifica ricerca con l’opzione “Regionali” sul sito internet. L’azienda non solo non spiegava con quali criteri veniva effettuata la ricerca ma sul sito utilizzava la dicitura ingannevole “tutti i treni” dando l’illusione al consumatore che le soluzioni proposte fossero le uniche a disposizione.

“Un vittoria su tutti i fronti dei consumatori e del Codacons, che aveva presentato diversi esposti all’Antitrust segnalando anomalie nella fase di prenotazione dei biglietti ferroviari online e tramite biglietterie automatiche. Ora l’azienda deve indennizzare la pluralità di utenti danneggiati dalla pratica commerciale scorretta, applicando sconti a tempo determinato sui prezzi dei biglietti” spiega il presidente Carlo Rienzi

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox