29 Ottobre 2009

ANTITRUST: CARTELLO PASTA; TAR CONFERMA MULTE 22 SOCIETA’

    IL CODACONS: NOSTRA VITTORIA. ORA I CONSUMATORI CHE HANNO ACQUISTATO PASTA DELLE AZIENDE SANZIONATE POSSONO CHIEDERE RISARCIMENTI PER I MAGGIORI PREZZI PAGATI  
     
    NEL 2008 OGNI FAMIGLIA HA SPESO 140 EURO IN PIU’ PER GLI AUMENTI INGIUSTIFICATI SU PANE E PASTA

     

    "Una vittoria del Codacons e dei consumatori italiani!” – così Carlo Rienzi, leader dell’associazione, commenta la decisione del Tar del Lazio di confermare la multa inflitta dall’Antitrust a 22 società alimentari e due associazioni per aver creato un cartello per i prezzi della pasta.
    "Nel 2008 abbiamo più volte denunciato all’Autorità come i prezzi al dettaglio della pasta crescessero senza alcuna ragione, mentre il costo del grano diminuiva sensibilmente (fino al -62%) – spiega Rienzi – Una speculazione ora confermata dalla giustizia, che ha determinato un danno non indifferente per le famiglie italiane, ognuna delle quali nel 2008 ha speso 140 euro in più solo per gli aumenti ingiustificati su pane e pasta’.
    "Soldi che adesso devono essere restituiti ai consumatori – attacca Rienzi – Invitiamo i cittadini che hanno conservato scontrini o altri documenti che attestino l’acquisto nel periodo 2006/2008 di pacchi di pasta delle aziende multate, a chiedere dinanzi ai giudici di pace il rimborso delle maggiori somme pagate a causa del cartello anticoncorrenza. Le adesioni all’azione legale contro gli speculatori della pasta si raccoglieranno a partire da oggi sul blog www.carlorienzi.it”.   

     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox