20 Dicembre 2017

È ancora il panettone il re della tavola Battuto il pandoro

E’ UN PO’ il derby della cucina natalizia: panettone contro pandoro. Come nello sport, anche le buone forchette sono schierate verso una scelta precisa. Una scelta di gusto, tradizione, filosofia. A Firenze il panettone ha la meglio sul pandoro: il 58% dei consumatori lo preferisce (di cui classico per il 79% e di altri tipi per il restante 21%) anche se sono in netto aumento quelli senza glutine e per i vegani senza latte, burro e uova. E’ quanto emerge da un sondaggio fatto da Confartigianato Imprese Firenze sul territorio provinciale. Secondo il Codacons però quest’ anno mangiare pandoro e panettone costerà di più rispetto allo scorso anno: i prezzi appaiono in salita rispettivamente del +2,7% e +1,7% per le marche più note. Questo perché «i prezzi di tutti i prodotti legati alle festività, alimentari e non, registrano una decisa ripartenza», spiega l’ associazione dei consumatori. Si rafforza inoltre nel 2017 la tendenza all’ acquisto del panettone artigianale il cui prezzo medio è di 19,90 euro, ma che può arrivare a costare 195 euro come sottolinea il Codacons. Se tanti ristoranti registrano il tutto esaurito, secondo l’ indagine Confartigianato Firenze, per le feste in media si preferisce stare in casa e nel carrello della spesa si metteranno prodotti tipici. Per la tavola di Natale i fiorentini spenderanno 93 euro a testa, privilegiando i prodotti locali e la cucina casalinga. E la scelta è varia, anche perché la Toscana è la seconda regione, dopo la Campania, per prodotti agroalimentari tradizionali caratterizzati da metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura consolidate nel tempo e censiti dal ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali: 461 prodotti , il 9,1% in più rispetto all’ anno scorso. «UN RITORNO alla tradizione – spiega Federico Conti, presidente Confartigianato alimentazione Firenze – che evidenzia come le scelte di consumo siano indirizzate verso un’ offerta locale, a km zero e tracciabile. L’ attenzione a qualità e provenienza dei prodotti segna un cambio culturale nei consumatori, che fa bene alla salute e alle aziende del territorio. I prodotti artigianali, come il panettone, sono senza dubbio i più richiesti e la novità è che aumentano le richieste anche all’ estero, alla ricerca del vero prodotto made in Italy». ross.c.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox