4 Marzo 2020

Amuchina su Internet a prezzi gonfiati anche a Genova l’ inchiesta della Procura

di Marco Lignana Prezzi gonfiati non appena ha iniziato a diffondersi il virus e a dilagare la paura. Amuchina e altri gel disinfettanti con rincari che secondo il Codacons ” toccano il 1700 per cento rispetto ai listini in vigore prima dell’ emergenza sanitaria”. Anche la Procura di Genova, dopo aver ricevuto l’ esposto dell’ associazione dei consumatori, ha aperto un’ inchiesta sullo scandaloso sciacallaggio praticato sul web da chi si è approfittato, o ancora si sta approfittando, delle misure di prevenzione contro il coronavirus. Nelle prossime ore il Nucleo di polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle di Genova riceverà la delega dai magistrati. Al momento il fascicolo, sulla scrivania del procuratore aggiunto Francesco Pinto, è a carico di ignoti. Il reato ipotizzato è il 501 del codice penale, “Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato”. Nel mirino non c’ è ovviamente la società Angelini, che nello stabilimento di Casella prepara il gel al momento più utilizzato dai genovesi e dagli italiani. E non ci sono nemmeno le farmacie, che hanno mantenuto gli stessi prezzi di un mese fa. Ma chi, nel territorio di competenza della Procura di Genova, ha messo il prodotto in vendita sui siti come Amazon e Ebay praticando i super sovrapprezzi. Si è già mossa, a fine febbraio, la Guardia di Finanza di Milano, che ha bussato alle sedi dei due colossi della rete per sequestrare documenti e file. eBay ha confermato che sta ” collaborando con le forze dell’ ordine nel rispetto di tutte le norme vigenti. eBay è una piattaforma che mette in contatto venditori e acquirenti. I prezzi dei singoli prodotti sono decisi in autonomia dai venditori, professionali e privati, che vi operano, nondimeno l’ utilizzo del nostro sito comporta il divieto di violare la legge, i diritti altrui o le nostre regole e agiamo nei confronti di eventuali violazioni” Stesso discorso da parte di Amazon: “Stiamo offrendo la massima collaborazione alle autorità competenti. I partner di vendita stabiliscono i prezzi dei loro prodotti nel nostro store e abbiamo delle regole per aiutarli a definire tali prezzi in modo competitivo. Monitoriamo attivamente il nostro store e rimuoviamo le offerte che violano le nostre regole”. Il Codacons invece si aspetta “controlli a tappeto in tutta Italia contro chi utilizza il coronavirus per speculare sulle tasche degli italiani”. © RIPRODUZIONE RISERVATA k Farmacie senza disinfettanti C’ è stata la corsa all’ accaparramento.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox