27 Maggio 2020

«Amianto, non ci sono allarmi» Area a rischio al parco Balliana

il sindaco ridimensiona il numero dei siti da bonificare dopo l’ indagine della regione ma uno dei luoghi è accanto a un complesso scolastico
sacile Da 11 immobili con amianto censiti oltre dieci anni fa dall’ Arpa Fvg a 650 siti da bonificare: la mappa della Regione con le riprese aeree dei droni hanno scovato eternit e onduline. Tettoie di onduline sono visibili dall’ alto in un’ area privata e abbandonata a pochi metri dal parco Balliana, dove si affacciano tre scuole e altre coperture di garage e pollai sono a due passi da tante abitazioni private, anche in via Curiel, San Giovanni di Livenza, San Odorico. «Nessun allarmismo per 650 siti censiti con amianto dalla Regione perché una ventina sono quelli da rimuovere – dice il sindaco Carlo Spagnol -. Il Comune sta intervenendo con lettere e solleciti per la rimozione e smaltimento nei siti maggiormente a rischio per la salute dei cittadini». La produzione e commercializzazione dell’ amianto è stata messa al bando negli anni Novanta, ma questo materiale è ancora molto diffuso: in edilizia snella forma compatta (onduline per le coperture dei tetti, cassoni dell’ acqua, canne fumarie, linoleum) e nella forma friabile (tessuto o spruzzato nei rivestimenti isolanti di tubazioni, caldaie, controsoffitti). Un pericolo per la salute dei cittadini. «La campagna regionale per rimuovere tutto l’ amianto è partita – sottolinea Spagnol – e sono previsti contribuiti ai proprietari. Ci sono edifici, capannoni industriali e anche immobili pubblici da monitorare. L’ ufficio ambiente è a disposizione dei proprietari per l’ iter di bonifica». Una decina di anni fa erano 9.155 metri quadrati di superfici censite con amianto a Sacile. «Ci sono coperture in eternit per una superficie di circa 840 mila metri quadri in tutta la provincia di Pordenone – era la sintesi del monitoraggio di Glauco Spenghero, tecnico dell’ Arpa -. A Sacile si calcolano 11 siti». Aziende abbandonate e capannoni nelle: nel 2006 e 2007 due censimenti sono stati con l’ autocertificazione. Secondo il Codacons ci sono vecchie strutture scolastiche potenzialmente pericolose, come l’ auditorium. -C.B.© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox