6 Settembre 2006

ALTRO CASO A UDINE E NUOVE POLEMICHE

CITTADELLA. Sciolta la prognosi anche del bimbo di appena 3 anni assalito lunedì dal rottweiler dello zio nel giardino della bisnonna a Udine. Nettamente migliorate nella notte le sue condizioni, è stato trasferito dalla terapia intensiva e non è più intubato né in pericolo di vita. Era stato azzannato al collo e alla testa; solo un vicino era riuscito a liberarlo dalla morsa avendo il coraggio, dopo essere salito in groppa al cane, di infilargli un pugno in gola. Si riaccende intanto la polemica sulla pericolosità di questi animali. Anche ieri il Codacons sottolineava l`urgenza di un patentino obbligatorio per alcune razze e la revisione della vecchia ordinanza Sirchia, ora Storace, sull`uso di guinzaglio e museruola. L`associazione dei consumatori chiede l`ampliamento delle 17 razze attualmente a rischio aggressività con l`inserimento di cani come l`american staffordshire terrier, lo staffordshire bull terrier e il dobermann. Il presidente di Codacons Marco Donzelli si domanda “perché in Italia per ottenere dei provvedimenti sia necessario aspettare che si verifichi una tragedia“ e si appella nuovamente “al ministro Livia Turco perché emetta una nuova ordinanza che possa tutelare dalle aggressioni di queste razze potenzialmente pericolose“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox