14 Ottobre 2017

«Allarme sociale sui nostri bus» Il Codacons bacchetta il sindaco

– MONZA – “ALLARME SOCIALE sugli autobus di Monza”. È questo il significastivo titolo del comunicato diramato ieri dal Codacons dopo aver letto l’ ampio reportage pubblicato sul nostro giornale il 12 ottobre per raccontare lo stato di disagio in cui si ritrovano costretti gli autisti (e a volte gli stessi paseggeri) degli autobus in servizio a Monza e in Brianza. Il Codacons arriva addirittura a chiedere «le dimissioni del sindaco di Monza se è non in grado di tutelare i lavoratori: inaccettabile che una tale situazione di emergenza non venga risolta». COME ricorda l’ associazione di consumatori, e come da noi raccontato, «gli autisti delle linee di autobus che collegano Monza e dintorni sono da tempo esasperati: minacce, aggressioni e violenze sono ormai all’ ordine del giorno. Le linee particolarmente interessate sono la 222, la 223, la 205 e la terribile z221. I passeggeri spesso non pagano il biglietto, sono ubriachi e violenti, e nelle ore notturne la situazione si complica ulteriormente. I presidi della polizia non sono abbastanza e la sorveglianza presente non è sufficiente ad arginare il problema. Gli autisti, disperati per la situazione, hanno perfino chiesto che alcune fermate vengano soppresse a determinati orari. Gli episodi di violenza ai danni di autisti e controllori su queste linee sono stati numerosi, ma nonostante le segnalazioni, non è mai cambiato nulla. Impossibile continuare a vivere in questo clima di terrore, è necessario agire immediatamente». E conclude poi il Codacons: «È davvero incredibile che non ci sia stato alcun intervento per risolvere il problema. È inaccettabile una tale noncuranza nei confronti di onesti lavoratori. Se la situazione non migliorerà – ribadisce – chiederemo le dimissioni del sindaco». Dario Crippa.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox