5 Agosto 2005

Alla scoperta del gelato più grosso

Viaggio in undici gelaterie cittadine: abbiamo pesato i coni da un euro e mezzo Ecco i risultati

Alla scoperta del gelato più grosso

Rieti sfugge ai super-prezzi, ma restano forti differenze tra i locali







Dolce e rinfrescante, ma con un retrogusto salato. Il caro-gelato non risparmia Rieti, anche se si presenta in modo meno accentuato rispetto alla media nazionale degli aumenti confrontati al 2001 (tra il +70% ed il +95 per prodotti artigianali e fino al +169% per i confezionati). Bilancia al seguito, e naturalmente all`insaputa di undici gelatai di Rieti, abbiamo pesato altrettanti coni artigianali (differenza di 39 grammi tra il più pesante ed i più leggeri), nel formato ormai più venduto, quello da 1 euro e mezzo (contro le 2mila lire di 4 anni fa!), con tre gusti e senza panna (che sarebbe stata aggiunta senza sovrapprezzo). Ne è venuta fuori la discreta media di quasi 150 grammi, peso del cono compreso: vale a dire che a Rieti il gelato si può gustare ad un centesimo al grammo. A proposito di gusto tutti i gelati ci sono sembrati buoni, qualcuno molto buono, ma si sa che in fatto di sapori ognuno può dire la sua. Restiamo così su dati oggettivi: se si dà un`occhiata ai prezzi da asporto, una vaschetta da un kg si acquista ad un prezzo che oscilla tra gli 11,5 euro di Giacomelli, in via Nuova ed i 15 di Napoleone, in via Sant`Agnese, con la maggior parte delle gelaterie collocate nel mezzo, tra i 12 ed i 13 euro. Prezzi considerati “onesti“ rispetto alla “borsa“ del gelato romana, dove il costo al chilo raggiunge livelli stratosferici da 18-20 euro.
E nella proposta dei formati sono molte le gelaterie reatine che mantengono un legame col passato, salvando il vecchio cono da 2mila lire, anche se un po` più smilzo, nell`attuale versione da 1 euro: succede da Daniel, al Quattro Stagioni (che ha servito il cono più corposo) al Bar delle Orchidee, al Crosby e da Giacomelli. Si parte invece da 1,2 euro al Cristallo e da Napoleone, da 1,3 euro alla Lira, da Fiori ed al Giglio di via San Pietro Martire (traversa di via Roma). Da un euro e mezzo è invece il formato base del Moderno, un “taglio“ assente invece al Cristallo, alla Lira e da Fiori, dove sono stati pesati coni che costavano 10 centesimi in più. Ovunque, la panna è aggiunta gratuitamente, mentre nelle località turistiche dell`Adriatico, ad esempio, viene conteggiata con un supplemento anche di 50 centesimi.
Eppure, il Codacons provinciale esprime preoccupazione per una lievitazione dei prezzi che considera ingiustificata e spropositata: «Restiamo allarmati per questi incrementi che interessano tutto il reatino – afferma Marco Tiberti – e che non ci pare corretto addebitare all`euro o all`inflazione».
Se si considera che, per i reatini, il consumo di gelato rimane stabile, vicino alla media pro capite nazionale, di poco superiore ai 3,5 kg l`anno, se ne ricava che il prodotto continua ad essere scelto, anche grazie ad una scommessa che – dicono gli esercenti – ha puntato sulla qualità.
«I reatini continuano ad apprezzare le caratteristiche del nostro gelato artigianale – spiega Rita Fiori – le vendite tengono nonostante ovunque il cono da 2mila lire di 4 anni fa, oggi sia quello da 1,5 o 1, 6 euro. Ma si tratta di un aumento contenuto: il nostro mercato regge ancora: ce lo dicono i clienti romani, che a casa loro consumano gelati sempre più come un fossero un lusso». A respingere le accuse riguardanti i rincari è anche Maria Proietti, titolare della gelateria Giacomelli, che – tra quelle visitate – ha il più basso prezzo al kg: «A Rieti siamo lontani dalle speculazioni, che altrove non sono mancate – afferma Maria, che ha anche gestito due punti vendita a Roma, in via della Conciliazione – credo che sia il laboratorio a distinguere il gelato e che la qualità del prodotto sia prioritaria rispetto al volume. La nostra clientela è composta per una larga fetta da bambini: i genitori ci apprezzano e questo ci gratifica molto».






Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox