22 Maggio 2013

Alla Roma rimane solo la Coppa Italia Sabatini: sarà nostra

Alla Roma rimane solo la Coppa Italia Sabatini: sarà nostra

 

La prossima settimana avremo un nuovo allenatore? Stiamo tutti aspettando, dovranno concretizzarsi le nostre cose. Walter Sabatini non si sbilancia, ma dalle sue parole si capisce che la Roma è in attesa di novità da Milano ed è pronta ad accogliere a Trigoria Massimiliano Allegri. Il tecnico del Milan è l’ uomo scelto per rilanciare ancora una volta il progetto giallorosso, ma prima di poter sbarcare nella capitale dovrà sistemare la propria situazione con i rossoneri. A lasciare in panchina il posto ad Allegri sarà Aurelio Andreazzoli, comunque stimato dalla società romanista per il lavoro svolto dopo l’ esonero di Zeman e atteso domenica dalla finale di Coppa Italia contro la Lazio. Finale che il Tar ha confermato per domenica alle 18, respingendo il ricorso del Codacons. La Terza sezione, in composizione collegiale, ha infatti confermato sostanzialmente il decreto del presidente del collegio Italo Riggio dello scorso 15 giugno. Siamo molto soddisfatti, con lui abbiamo recuperato equilibri e posizioni di classifica – sottolinea Sabatini -. Lunedì, a prescindere dal risultato del derby, ci confronteremo. Non è escluso che sia lui il tecnico della Roma. Ma non abbiamo preso decisioni o accordi con nessun altro allenatore, stiamo aspettando che si concretizzino le nostre cose. Insomma, in attesa di Allegri, meglio concentrarsi sulla finale di Coppa Italia che potrebbe raddrizzare l’ ennesima stagione deludente. Abbiamo avuto momenti non felici, ma sappiamo quello che stiamo facendo, è un processo di crescita. Faremo meglio in futuro – riconosce il ds giallorosso -. Il derby? Vince la Roma, dobbiamo vincere. Ma non vogliamo vivere la finale come la partita dell’ ultima spiaggia. Di certo però un ko nella stracittadina sarebbe pesantissimo da digerire e potrebbe portare all’ ennesima rivoluzione nonostante le smentite di Sabatini, che anzi ha confermato in blocco i pezzi pregiati della rosa (Rimangono tutti, non accetteremo offerte, sarebbe una controindicazione clamorosa visto che vogliamo costruire una grande squadra, ci sarà qualche innesto ma nessuno andrà via) e anche il dg Baldini. Certo che rimane, Franco è il perno e l’ architrave di questa società. Non vedo qual è il problema. Non perderemo pezzi, cercheremo di mettere tasselli per essere all’ altezza della nostra tifoseria. Tifoseria che però, con i cori razzisti a Balotelli, ha provocato sia la chiusura per un turno della Curva Sud sia un danno d’ immagine al club non tollerato da James Pallotta. Il presidente, ieri sera a cena con Sabatini e Baldini per fare il punto sul futuro della squadra, non respinge l’ associazione Roma-razzismo e per questo ha fatto emettere un altro durissimo comunicato in cui si etichetta come terribile e inaccettabilequanto accaduto con il Milan. La Roma non considera i responsabili di tali fatti come suoi tifosi – le parole del club -. Le azioni di questo gruppo ristretto sono detestabili e danneggiano la nostra società e i nostri fedeli tifosi che rispettano le leggi. Continueremo a lavorare per garantire che venga fatto tutto il possibile per identificare e bandire i responsabili dagli stadi di calcio. Intanto sono ripresi gli allenamenti a Trigoria dopo il giorno di riposo concesso da Andreazzoli. In campo anche Marquinhos, Balzaretti e De Rossi che sono tornati ad allenarsi con il gruppo. Ancora riposo, invece, per Torosidis e Lamela, entrambi assenti dal campo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox