30 Maggio 2019

«Alitalia si paga nella bolletta»

 

MILANO PRIMA il canone Rai, ora i soldi per salvare Alitalia: le bollette si stanno trasformando in un comodo bancomat per tutte le stagioni. Ma l’ Authority per l’ Energia non ci sta. L’ allarme è partito ieri proprio da una segnalazione inviata dall’ Autorità al Parlamento e al governo, in cui si criticano senza mezzi termini due articoli del «decreto Crescita», in via di conversione. Negli articoli 37 e 50 è previsto il prelievo di 650 milioni dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali, per garantire la continuità industriale della compagnia aerea. Così, ammonisce l’ Authority guidata da Stefano Besseghini, il governo rischia di «generare ripercussioni negative sull’ intero sistema, che potrebbero tramutarsi in un incremento improprio dei prezzi dell’ energia per famiglie e imprese». PRELEVANDO quei 650 milioni dalla cassa di compensazione si va direttamente a incidere sulle bollette, perché si comprimono «i margini di flessibilità» che servono alla copertura finanziaria degli oneri di sistema, «in caso di inattese oscillazioni dei costi dell’ energia», spiega l’ Authority. In altre parole, la cassa è una camera di compensazione per le oscillazioni dei prezzi del petrolio, che nel primo trimestre dell’ anno sono per l’ appunto balzati da 50 a 68 dollari al barile. Quella riserva, che di solito oscilla fra 1,5 e 2 miliardi, sono il frutto degli accumuli di una piccola cifra pagata in bolletta dagli stessi consumatori, cifra che poi ritorna al mittente nei trimestri in cui il prezzo del kilowattora sale in maniera sproporzionata. Se il governo le sottrae 650 milioni, la riserva rischia di non essere sufficiente a coprire le oscillazioni del mercato. Immediata la reazione delle associazioni consumatori: «Non permetteremo che per salvare Alitalia, già costata agli italiani la bellezza di 8,6 miliardi di euro solo negli ultimi 10 anni, Lega e M5S mettano le mani in tasca ai cittadini, e siamo pronti ad avviare una battaglia legale per bloccare tale abnorme misura», avverte il Codacons. Elena Comelli © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox