13 Ottobre 2013

ALITALIA, LUPI: STATO NON HA MESSO UN EURO DELLE TASCHE DEI CITTADINI

    ALITALIA, LUPI: STATO NON HA MESSO UN EURO DELLE TASCHE DEI CITTADINI
    CODACONS: E’ FALSO. SARANNO GLI UTENTI ATTRAVERSO POSTE A PAGARE IL COSTO DELL’OPERAZIONE

    PARTE L’ESPOSTO ALLA COMMISSIONE EUROPEA PER GLI AIUTI DI STATO ALLA COMPAGNIA AEREA

    Il Codacons contesta fortemente quanto dichiarato oggi dal Ministro dei trasporti, Maurizio Lupi, secondo cui lo Stato per la vicenda Alitalia “non ha messo un euro nelle tasche dei cittadini”.
    E’ vero esattamente il contrario – sostiene il Codacons – saranno proprio gli utenti, attraverso la societa’ controllata al 100% dal Tesoro, Poste Italiane, a ripianare i debiti della compagnia aerea.
    L’intera operazione Alitalia – spiega l’associazione – avra’ effetti diretti sulla tasche dei cittadini italiani, e il ministro Lupi lo sa bene. Questo perche’ lo sforzo economico di Poste andra’ inevitabilmente ad intaccare i servizi universali gestiti dall’azienda, a tutto danno degli utenti, specie le fasce piu’ deboli, che indirettamente si troveranno a pagare il prezzo dell’operazione.
    Il Codacons anticipa inoltre il contenuto di un esposto urgente alla Commissione Europea che l’associazione presentera’ domani e nel quale si denuncia l’intervento di Poste italiane come un illegittimo aiuto di Stato.
    Si legge nell’esposto:
    “L’articolo 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (Trattato FUE) precisa i presupposti che devono essere presenti affinche’ l’intervento costituisca un aiuto di Stato nel senso comunitario del termine. Tra le condizioni richieste figura l’origine statale dell’aiuto (aiuto concesso dallo Stato ovvero mediante risorse statali). Poste Italiane S.p.a. e’ una societa’ per azioni che nel caso di Alitalia acquista titoli azionari, ma l’assetto proprietario di Poste vede la partecipazione totalitaria del Ministero dell’Economia e delle Finanze, e l’attivita’ di controllo contabile sono affidate a una Società’ di Revisione e soggette al controllo della Corte dei Conti sulla gestione del bilancio e del patrimonio”.
    Tale circostanza – afferma il Codacons – non solo smentisce quanto dichiarato oggi dal ministro dei trasporti Lupi, ma configura in vero e proprio aiuto di Stato pagato dall’intera collettivita’.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox