16 Dicembre 2021

ALIMENTARE: STOP AI TEST CASARECCI SUI PRODOTTI ALIMENTARI

    ESPOSTI AD ANTITRUST CONTRO TEST DI RIVISTE PRIVATE CONDOTTI IN VIOLAZIONE DELLE DIRETTIVE UE.

    Con diverse denunce inviate all’Antitrust il Codacons ha chiesto di porre sotto indagine i Test su riso, vino, olio, panettoni e pandori pubblicati da soggetti privati quali riviste e società editoriali (Il Salvagente, Altroconsumo, e altri) che verrebbero svolti in violazione delle normative comunitarie e nazionali. Test che finiscono col premiare alcune ditte e punirne altre, in assenza di trasparenza e soprattutto di competenza, considerato che la legge assegna soltanto a determinati soggetti istituzionali come i NAS tali compiti.
    Nei test in molti casi non risulta comprovata ogni singola fase procedurale, dal prelevamento di campioni sino alla certificazione delle analisi compiute, né emergono le modalità osservate per la conservazione del campione, sebbene si tratti di elementi essenziali per garantirne la genuinità e, dunque, per assicurare l’attendibilità della prova che, peraltro, riguarda una limitata quantità del prodotto alimentare – spiega il Codacons – La normativa di riferimento – che pure deve essere migliorata – limita la discrezionalità dell’organo accertatore, prevedendo metodi di valutazione comuni (incentrati su un comune vocabolario specifico, nonché su previsioni tecniche regolanti il bicchiere per l’assaggio, la sala di assaggio e le condizioni della prova); una qualificata formazione di comitati di assaggiatori selezionati ed esperti; lo svolgimento di controanalisi per assicurare la convergenza dei risultati della relativa prova organolettica.
    La diffusione dei Test in questione su social, riviste, testate online, newsletter, canali “commerciali”, ecc. sulla base di presunte analisi, condotte da soggetti privati senza alcun controllo sulle procedure adottate e in assenza di contraddittorio possono causare un danno ai consumatori, indirizzati verso alcuni marchi in modo ingannevole, e una lesione dell’immagine e della reputazione nei confronti delle Aziende, oltre che un incremento di fatturato per quei soggetti che ottengono valutazioni “positive” da parte di società editoriali con scopo di lucro. Una possibile pratica commerciale scorretta, quindi, che ha portato il Codacons a denunciare all’Antitrust i test condotti da soggetti editoriali privati in violazione della normativa italiana ed europea.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox