12 Agosto 2011

ALIMENTARE: DOMANI VENDITA DI FRUTTA IN AUTOSTRADA

    CONTRO LA CRISI: VENDITA DIRETTA DI COCOMERO, MELONE E PESCHE

    BASTA CON I RICARICHI ASSURDI DEI PREZZI CHE PORTANO GLI AGRICOLTORI AD ABBANDONARE NEI CAMPI PESCHE E COCOMERI

    Domani, presso le aree di servizio dell’autostrada A1 "La Pioppa Est’, "Sillaro Est’ (Bologna) e "San Martino Est’ (Parma) gli automobilisti troveranno frutta e verdura del posto in vendita a prezzi scontatissimi. E’ questa l’iniziativa contro la crisi ed il carovita organizzata da Codacons, Coldiretti, Autostrade per l’Italia.
    Una vendita diretta agricoltore-consumatore che, accorciando la filiera, consente di avere frutta fresca di stagione, di qualità, a chilometro zero e a prezzi vantaggiosi.
    Una iniziativa che vuole anche denunciare i ricarichi enormi che si hanno nel passaggio dal coltivatore al consumatore. Una situazione che sta velocemente degenerando al punto che sono sempre più numerosi gli agricoltori che decidono di non raccogliere più cocomeri, meloni e pesche, lasciandoli marcire sui campi, visto che il guadagno per loro sarebbe attorno allo zero.
    Per dare meglio l’idea del fenomeno, forniamo alcuni numeri: i cocomeri sono pagati al produttore 0,10 euro al kg, e al consumatore finale costano mediamente 0,60 euro; i meloni vengono pagati 0,35 euro all’origine e venduti a 1,30 euro; le pesche che all’agricoltore sono pagate 0,20 euro al kg, al dettaglio costano 1,95 euro/kg.
    I coltivatori, non riuscendo a rientrare nei costi di produzione, preferiscono lasciare nei campi l’ortofrutta in questione, la cui raccolta ha un costo per loro insostenibile.
    Il Codacons al riguardo ha presentato un esposto all’Antitrust, perché indaghi sui ricarichi assurdi dal campo alla tavola.
     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox