13 Maggio 2020

Alcol e guanti monouso introvabili caccia nei market e nelle farmacie

PAVIA.Guanti e alcol denaturato introvabili sul territorio pavese. Dopo l’ odissea per recuperare le mascherine (in particolare quelle a 50 centesimi promesse dal governo) ora sembra diventata un’ impresa trovare anche gli altri dispositivi di protezione. E chi ci riesce a volte deve pagare prezzi esorbitanti: alla Federconsumatori di Pavia sono arrivate denunce di pacchi di guanti da 100 pezzi venduti addirittura a 17 euro. A meno di una settimana dal 18 maggio, quando sono previste nuove riaperture e probabilmente servirà sempre più l’ uso dei guanti (si dice per pagare per esempio la consumazione al bar), quindi, farmacie e supermercati ne sono sprovvisti e non si sa nemmeno quando arriveranno i rifornimenti.Per non parlare dell’ alcol denaturato, quasi assente ormai dall’ inizio dell’ emergenza. Va meglio, invece, per il gel disinfettante, visto che ne stanno uscendo vari tipi e viene offerto anche in altri negozi, come tabaccherie ed edicole.scaffali vuotiScaffali di guanti e alcol completamente vuoti al Gulliver di via Carlo Emanuele a Voghera: «Al momento è molto difficile reperire i guanti – conferma Piero Lugano, patron del gruppo di supermercati -. Noi li abbiamo giusto da fornire ai dipendenti che sono obbligati a portarli, mentre per i clienti mettiamo a disposizione quelli del reparto ortofrutta. Anche per le mascherine da 50 centesimi siamo nelle stesse condizioni delle farmacie: non si trovano e stiamo provando a vendere quelle in tessuto lavabile». Stesso discorso nelle farmacie di Pavia e dell’ Oltrepo: «I guanti sono diventati il nuovo problema dopo le mascherine – afferma Paolo Antoninetti, direttore della Farmacia Gregotti, nella centralissima piazza Duomo di Voghera – . Il commissario Arcuri ha agito in modo molto superficiale perché prima di prendere provvedimenti così importanti avrebbe dovuto chiedere ai farmacisti cosa ne pensassero. Invece il risultato è lì da vedere». segnalazioniNumerose sono le segnalazioni che stanno arrivando alla Federconsumatori Pavia sull’ indisponibilità dei dispositivi di protezione e sui prezzi troppo alti; ma non mancano le lamentele degli stessi farmacisti: «Da una parte riceviamo segnalazioni da cittadini che non riescono a trovare i guanti o li trovano a prezzi troppo alti, addirittura 17 euro per un pacco da 100 – spiega il presidente Cristiano Maccabruni -. Dall’ altra ci sono farmacisti che sono costretti a comprarli a prezzi elevati. Alcune farmacie di Pavia mi hanno segnalato che non avrebbero venduto i dispositivi perché il prezzo era troppo alto». Secondo Maccabruni c’ è ancora troppa confusione sul prezzo e sull’ utilizzo di guanti e mascherine: «Bisognerebbe entrare nel merito e controllare tutta la filiera per capire come si arriva a questi costi, non decidere il prezzo per decreto dalla sera alla mattina – conclude -. Ci sono farmacie di Pavia che avrebbero fatto ordini unici per strappare prezzi vantaggiosi, ma non lo possono fare perché la fornitura è in mano al governo. E poi c’ è caos sull’ utilizzo ad esempio dei guanti: non si è ancora capito se sono obbligatori, perché in alcuni posti sono richiesti e in altri no». Anche il Codacons Pavia rilancia l’ allarme di cittadini e farmacisti: «Purtroppo ci stiamo accorgendo che le scorte di alcuni dispositivi di protezione essenziali si stanno esaurendo – attacca l’ associazione consumatori -. Oltre alle mascherine, che nonostante le ingenti quantità promesse stanno già finendo, c’ è una fortissima carenza di guanti e di alcol per disinfettare, che sono praticamente introvabili nelle farmacie. E intanto il prezzo dei guanti si è triplicato o quadruplicato negli ultimi mesi». –Oliviero Maggi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox