21 Gennaio 2010

Aggredita da rottweiler bimba nel milanese

«E’ sempre stato un cane mansueto». Ha saputo dire solo questo la padrona del meticcio, per metà pastore tedesco e per metà Rottweiler, che ieri pomeriggio, in una villetta di via Sciesa, a Paderno Dugnano, ha azzannato una bimba di 5 anni, ferendola in modo serio al volto. I vicini però smentiscono: «E’ un cane cattivo». La piccola, nigeriana, è entrata nel cortile dove c’ era l’ animale insieme alla sua padrona. Il cane conosceva la bambina, forse per questo la donna, amica di famiglia dei genitori, non ha avuto la cautela di legarlo, come del resto faceva sempre quando arrivava qualche estraneo a casa. Improvvisamente il meticcio si è avventato sulla bimba, morsicandola al volto, alla testa e al collo. Sono stati Guido Frizzi e un suo collega, due operai che lavoravano lì vicino, a fermarlo in tempo colpendolo con una cazzuola e poi a prestare i primi soccorsi alla piccina. E’ stata ricoverata al Niguarda in condizioni serie, ma non in pericolo di vita. In serata i medici hanno deciso di sottoporla a un intervento chirurgico: solo oggi si saprà se le lesioni saranno permanenti. «Sono vicina alla famiglia. Tutta colpa di proprietari irresponsabili», ha dichiarato il Sottosegretario alla Salute Francesca Martini. Contro la Martini, però, si scaglia il Codacons: «Questa aggressione è la dimostrazione del totale fallimento della nuova ordinanza del Sottosegretario alla Salute che ha cancellato la lista delle 17 razze ritenute più pericolose». Il grosso meticcio ora è stato posto sotto sequestro dai vigili, che conducono le indagini.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this