22 Giugno 2021

AEREI: ENAC, POSTI VICINI SOLO A PAGAMENTO, FARO SU LOW COST. CODACONS: ACCOLTO IL NOSTRO ESPOSTO PRESENTATO LO SCORSO 13 GIUGNO

     

    ORA ANTITRUST APRA ISTRUTTORIA PER PRATICA COMMERCIALE SCORRETTA

    Accolto l’esposto presentato dal Codacons all’Enac lo scorso 13 giugno e relativo proprio all’extra-costo chiesto dalle compagnie aeree ai passeggeri che vogliono scegliere il posto a sedere sui voli. Lo afferma l’associazione dei consumatori, unica in Italia ad essersi rivolta all’Ente per tutelare i diritti degli utenti del trasporto aereo.
    Abbiamo segnalato all’Enac la volontà delle compagnie aeree di garantirsi ad ogni costo nuovi introiti attraverso politiche tariffarie che sembrano realizzare pratiche commerciali scorrette – spiega il Codacons – La quasi totalità dei passeggeri che, ad esempio, viaggia con figli minori, ovvero non vuole volare in fondo al velivolo in posti stretti e scomodi, o ancora ha specifiche esigenze che non gli consentono di viaggiare nei posti automaticamente assegnati, nonché quei passeggeri che, in ragione del delicato periodo storico correlato alla emergenza epidemiologica e della necessità di rispettare le misure di contenimento, vogliono assicurarsi di essere seduti vicini ai propri conviventi piuttosto che ad estranei, sono di fatto costretti a corrispondere le somme aggiuntive per la scelta del posto a sedere. Somme che peraltro, in taluni casi, finiscono per avere un costo pari o finanche superiore al biglietto aereo.
    Per tale motivo il Codacons ha chiesto lo scorso 13 giugno ad Enac e Antitrust di aprire una apposita istruttoria per la possibile fattispecie di pratica commerciale scorretta, e di compiere tutti i controlli necessari a verificare la correttezza dell’operato delle compagnie aeree, ed esprime soddisfazione per la decisione dell’Enac di accogliere l’esposto presentato dall’associazione.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox