fbpx
2 Novembre 2018

«Adesso a tutti i passeggeri vessati venga rimborsato il sovrapprezzo»

Palermo. Lo stop dell’ Antitrust al supplemento per i bagagli a mano risparmia un ulteriore tormento ai passeggeri siciliani, già “stritolati” (e non poco) dai costi esorbitanti dei biglietti aerei. Ma chi ha già comprato un volo Ryanair o Wizz Air, programmato dall’ 1 novembre in poi, come deve comportarsi per ottenere il rimborso della sovrattassa (da 6 a 10 euro) sul bagaglio a mano? La restituzione della somma dovrebbe essere automatica: le compagnie aeree in questione dovrebbero riaccreditare i soldi direttamente sulla carta di credito del passeggero o dell’ agenzia di viaggi presso la quale si è acquistato il biglietto. Sulla vicenda le associazioni dei consumatori si sono schierate subito al fianco dei passeggeri. E, all’ indomani della decisione dell’ Antitrust, rinnovano il loro sostegno alle “vittime” di quella che è stata definita dall’ Authority una «falsa rappresentazione del reale prezzo del biglietto», perché «vizia il confronto con le tariffe delle altre compagnie, inducendo in errore il consumatore». Federconsumatori, assieme ai suoi legali, verificherà l’ operato di Ryanair e Wizz Air, che dovranno comunicare all’ Antitrust entro cinque giorni le misure adottate in ottemperanza a quanto deciso. «Ormai quando si parla di low cost – afferma in una nota Federconsumatori – gli utenti sono diffidenti nel timore dell’ arrivo di cattive novità». Ecco perché, prosegue l’ associazione, «proporremo gli strumenti più idonei per chi, avendo acquistato i biglietti prima del blocco dell’ Authority, si sia visto addebitare il supplemento per il bagaglio a mano. Appena possibile forniremo indicazioni più precise. Nell’ attesa gli utenti coinvolti e coloro i quali siano interessati ad avere maggiori informazioni in merito possono rivolgersi alle sedi della Federconsumatori presenti su tutto il territorio nazionale o allo sportello “Sos Turista” al numero 059-251108 (dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 13,30)». Alfio La Rosa, presidente di Federconsumatori Sicilia, promette che «l’ associazione starà con il fiato sul collo delle due compagnie aeree», ma non si sbilancia sulla tempistica dei rimborsi: «Attendiamo la risposta di Ryanair e Wizz Air ed eventuali controdeduzioni al provvedimento dell’ Antitrust».Sulla stessa scia il Codacons, che parla di «clamorosa vittoria». E aggiunge: «Siamo stati i primi in Italia ad avviare una battaglia legale sui supplementi richiesti per il trasporto dei bagagli sugli aerei. Ora il prossimo passo dovrà essere la restituzione integrale del supplemento da parte delle due compagnie aeree. In tal senso, il Codacons vigilerà sul rispetto dei diritti degli utenti ed è pronto ad avviare nuove iniziative legali a tutela dei passeggeri». Altroconsumo, che pone la questione del foro competente per discutere eventuali ricorsi, infine dichiara: «Far pagare a parte i bagagli è solo una delle puntate dei disservizi della compagnia aerea irlandese, dopo le cancellazioni in blocco dei voli del 2017».D. D.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox