fbpx
20 Novembre 2017

Addestratore sbranato dal bull terrier

Tragedia sabato sera a Monteu da Po, nel Torinese, dove un uomo di 26 anni è stato trovato cadavere in un terreno recintato con evidenti segni di morsicature e graffi a testa, collo, polpacci, coscia e braccia. A ridurlo così sarebbe stato un bull terrier che gli era stato affidato a partire dal pomeriggio da un amico. A trovare il corpo del giovane è stato un vicino di casa richiamato dal continuo abbaiare del cane. Su disposizione del veterinario dell’ Asl di Chivas so, il cane è stato affidato a un canile di Settimo Torinese mentre sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri di Chivasso per ricostruire la dinamica dei fatti. Una tragedia annunciata che fa seguito ad una lunga scia di morti provocata in Italia da cani potenzialmente pericolosi per l’ uomo. Lo afferma il Codacons, commentando la morte di un addestratore nel torinese sbranato da un bull terrier. «Da anni chiediamo di prendere provvedimenti in tema di cani pericolosi ma le istituzioni rimangono immobili a guardare bambini e uomini morire sbranati- attacca il presidente dell’ associazione, Carlo Rienzi – È indubbio che esistano razze di cani potenzialmente pericolose perl’ uomo e, indipendentemente dall’ educazione che si dà al proprio animale, è universalmente riconosciuto che alcune specie, come il bull terrier, i pitbull o i rottweiler, per le loro caratteristiche proprie (potenza, robustezza, dentatura) possono provocare ferite letali in caso di morsicatura».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox