19 Giugno 2002

Acqua minerale a rischio, scatta la denuncia



ACQUA minerale a rischio. Lo dice il Codacons provinciale dopo la vicenda che ha visto protagonista la signora Patrizia T., abitante a Fara in Sabina, che l`altro giorno ha acquistato in un deposito di bibite a Passo Corese una confezione di acqua minerale di una nota marca. La donna, una volta tornata a casa, ha versato in un bicchiere quell`acqua ed ha notato subito uno strano colore giallastro con odore fortemente acido e un aspetto schiumoso.
«Abbiamo raccolto una segnalazione di estrema gravità e pericolo per la salute pubblica ha scritto il responsabile Codacons Marco Tiberti e dopo aver sentito il parere del nostro consulente tecnico ingegner Paolo Cioppa, abbiamo informato prima i Nas di Viterbo e poi quelli di Roma. I carabinieri della Capitale unitamente al comando stazione di Passo Corese hanno provveduto al sequestro di un campione di acqua minerale che sarà sottoposto alle analisi dal laboratorio di profilassi».
La signora Patrizia intanto ha provveduto a denunciare formalmente l`accaduto ai carabinieri. Il Codacons di Rieti, che ha richiesto anche il ritiro delle altre bottiglie provenienti dal deposito di Passo Corese e di quelle della stessa marca acquistate nei bar e nei supermercati della zona, ritiene che possa trattarsi di un residuo di soda dovuto a un cattivo lavaggio industriale delle bottiglie.
È il caso tuttavia di fare chiarezza subito.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox