26 Gennaio 2012

Acqua, anche nella Tuscia il mega risarcimento del Codacons

Acqua, anche nella Tuscia il mega risarcimento del Codacons

La battaglia dell’arsenico

Contro l’ arsenico è battaglia legale. Dopo il pronunciamento con cui il Tar del Lazio ha condannato i ministeri della Salute e dell’ Ambiente a risarcire con 100 euro cadauno circa 2.000 utenti italiani (tra i quali 734 nella Tuscia) per la presenza del metallo pesante nelle acque, ora il Codacons si prepara al secondo round. Partita sul sito dell’ associazione la raccolta di adesioni per un mega ricorso collettivo: possono partecipare tutti i cittadini dei 60 comuni del Viterbese. In ogni paese della provincia esiste infatti almeno una sorgente che supera i limiti stabiliti dalla legge (10 microgrammi al litro, che la deroga europea ha portato a 20). «Chiederemo – spiega il legale Graziella Castrenze – 1.500 euro per ciascun ricorrente». Sarà chiamato in causa anche l’ Ato.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox