18 Aprile 2018

Acqua all’ arsenico, nel Lazio record di sforamenti. Il Cnr fa i conti

 

Acqua all’ arsenico, secondo il Cnr sono 110 i comuni in cui la concentrazione di arsenico non riesce ancora a rientrare nei limiti stabiliti dalla legge. Quasi tutti concentrati nel Lazio, dove se ne contano ben novanta. I limiti sono quelli noti a livello europeo, cioè di 10 microgrammi per litro. Ma i comuni con livelli elvati possono avere una deroga che alza il limite massimo a 20. Il provvedimento di deroga interessa in totale oltre 963mila persone, la maggior parte a Viterbo (315.523) poi a Latina e Roma per il Lazio. In Toscana tocca le province di Livorno, Arezzo, Pisa e Siena.I dati arrivano da uno studio dell’ Istituto di ricerca sulle acque del Cnr sulla base di una elaborazione di Cittadinanzattiva-Legambiente. “Chi negli anni ha concesso deroghe a ripetizione per la messa a norma delle acque laziali è responsabile dei danni prodotti ai cittadini e all’ ambiente. Consentire lo sforamento dei limiti di arsenico in un bene primario come l’ acqua, oltre ad essere una follia, potrebbe addirittura configurare veri e propri reati, da quello di inquinamento ambientale al reato di commercio e distribuzione di sostanze nocive. Senza contare eventuali danni fisici alle persone che hanno consumato acqua contaminata da arsenico”, tuona il Codacons.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox