1 Marzo 2020

«Aci S. Antonio, lavori in centro solo nell’ interesse dei cittadini»

Antonio Carrecaaci s. antonio. Si terrà domani alle 20, nella sala pluriuso di Palazzo Cantarella l’ incontro tra Amministrazione comunale e commercianti in merito ai lavori di riqualificazione che interesseranno a breve la centralissima via Regina Margherita. Un incontro che servirà a concertare le iniziative da intraprendere durante la chiusura al transito (che non sarà per un breve periodo) della strada, e che era stato sollecitato nelle scorse settimane dai consiglieri comunali d’ opposizione e dagli esercenti. L’ intenzione degli amministratori, in testa il sindaco Santo Caruso, è quella di ridurre al minimo i disagi concordando un piano di intervento. Una questione particolarmente delicata, quella dei lavori di riqualificazione del centro storico, che nel recente passato ha sollevato non poche polemiche. La più eclatante ha visto protagonista il Codacons, che ha raccolto le preoccupazioni di numerosi commercianti per le possibili ripercussioni economiche sulle attività che tali lavori potrebbero comportare. L’ associazione a tutela dei consumatori ha anche inoltrato un’ istanza di accesso agli atti «per ottenere l’ ostensione documentale di tutti gli atti autorizzativi relativi all’ approvazione del progetto in questione, nonché di tutti i relativi atti endoprocedimentali». La responsabile comunale del sodalizio, avv. Veronica Russo, aveva inoltre evidenziato come «numerosi esercizi anche di primaria importanza ed utilità per il territorio, paventano pesanti ripercussioni sul normale svolgimento anche di servizi essenziali e sull’ economia locale, e temono di essere costretti a chiudere a tempo indeterminato le loro attività». Anche nel corso dell’ ultima seduta consiliare fari accesi sugli interventi finanziati con apposito decreto della Regione Sicilia. Il consigliere di minoranza Antonio Di Stefano, in un intervento condiviso dai colleghi Salvo Privitera e Marcello Maccarrone, ha parlato di «lavori importanti, attesi da decenni, atti a riqualificare il centro storico ed utili allo sviluppo economico della città. Poca però l’ informazione, come lamentato da molti cittadini, sulle intenzioni e sulla programmazione dei lavori da effettuarsi». Gli stessi consiglieri hanno anche proposto soluzioni: eseguire i lavori a tratti fino alle intersezioni con altre vie e rimodulare il piano viario in modo da sfruttare le strade parallele per permettere viabilità verso il centro. Per cercare di rasserenare gli animi e spegnere le polemiche lo stesso primo cittadino in aula ha voluto rassicurare tutti: «Tranquillizziamo i nostri concittadini. Ed invito anzi gli stessi consiglieri ad essere vicini ai cittadini e a non strumentalizzare tutto. Si tratta di un’ opera bella e importante; dovremmo essere orgogliosi del fatto che stiamo cercando di sistemare il centro storico con questo finanziamento da un milione di euro. E invece si parla di poca trasparenza ed altro; non voglio sentirle queste cose! Perché la gara è stata fatta in modo trasparente, è stata aggiudicata, il progetto è visibile, c’ è un cronoprogramma previsto da progetto, ci sono insomma tutte le azioni tipiche che si compiono in casi come questo». Sulla polemica Codacons, Caruso ha specificato: «Ho dato disposizioni agli uffici per mettere a disposizione i documenti richiesti, che sono pubblici». Ancora rivolto ai consiglieri ha poi concluso: «Siamo pronti a fare tutto ciò che si deve fare, sempre nell’ interesse dei cittadini. Aiutatemi a far sì che ciò che si fa non venga strumentalizzato. Siamo tutte persone oneste e serie; nessuno può dubitare delle nostre azioni».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox