26 Settembre 2003

ACCOLTA LA RICHIESTA DI MODIFICARE L`ELENCO DEI CANI PERICOLOSI

    L`INTESA PROPONE UN ELENCO RIDOTTO DI 11 RAZZE NO ALL`ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA E SI AL PATENTINO






    L`Intesa dei consumatori (Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori) è favorevole all`introduzione dell`obbligo del guinzaglio e della museruola. Ma abbiamo subito denunciato che fare riferimento al gruppo 1 e 2 della classificazione della Federazione Cinologica Internazionale era un errore grossolano. Non solo si finiva per generalizzare sulla pericolosità del cane, da sempre amico dell`uomo, ma si commettevano anche errori molto pericolosi. Un esempio? Nell`elenco erano esclusi l`American Staffordshire terrier e lo Staffordshire Bull Terrier che fanno parte del gruppo 3 ed erano invece comprese belve assassine come lo skipperkee (da 3 a 8 chili) ed i welsh corgi (per intenderci i cani della regina Elisabetta). Era dunque inevitabile che Sirchia ridisegnasse l`elenco delle razze. L`Intesa dei Consumatori ne propone, ad esempio, undici: Dogo argentino, American Staffordshire terrier, Pitbull, Fila Brasilero, Bullmastiff, Staffordshire Bull Terrier, Bull Terrier, cane da presa canario, Tosa, Rottweiler e Dobermann.

    L`Intesa dei consumatori chiede, però, altre modifiche. In particolare l`eliminazione dell`assicurazione obbligatoria. Non solo perché il problema principale è prevenire le morsicature più che risarcire chi li riceve. Non solo perché guinzaglio e museruola sono più che sufficienti. Ma anche perché è un inutile regalo alle già ricche compagnie, stimato in 200 milioni di euro. E` bene avvisare che a fronte di un aumento della domanda di polizze si avrebbe un`immediata speculazione che si ripercuoterebbe non solo sui padroni delle razze inserite nell`elenco, ma anche sui premi di chi è già assicurato con una polizza che include la copertura del cane. Sono la bellezza di 1.800.000 famiglie. Siamo, infine, contrari perché il numero delle aggressioni non ha un rilievo statistico tale da rendere necessaria l`assicurazione obbligatoria. Sirchia ha denunciato a “Porta a Porta“ 70.000 morsicature l`anno, ma si è dimenticato di dire che nella gran parte dei casi si tratta di morsi dati ai padroni stessi dei cani e che invece l`assicurazione prevista nell`ordinanza riguarda la responsabilità civile per danni contro terzi.

    Ribadiamo, infine, che se il problema è prevenire è necessario introdurre l`obbligo di un patentino per chi detiene le razze previste nell`elenco.



    Intesa

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox