8 Agosto 2007

Abuso di posizione dominante. Indagine dell`Antitrust su Poste Italiane

Aperta un`istruttoria per “abuso di posizione dominante“ Indagine dell`Antitrust su Poste Italiane Il Garante: servizi sottratti ai concorrenti grazie al suo potere contrattuale Consumatori: tempi lunghi

Anche Poste Italiane finisce sotto la lente dell`Antitrust. Dopo banche, assicurazioni e petrolieri, il gruppo guidato da Massimo Sarmi finisce nel mirino del Garante che ha aperto un`istruttoria per valutare la sussistenza o meno di un abuso di posizione dominante, tramite il quale Poste starebbe di fatto limitando “sensibilmente“ l`attività dei concorrenti sui mercati dei servizi liberalizzati e su quelli di prossima liberalizzazione. Un annuncio che non scompone la società: “attendiamo con serenità l`esito dell`istruttoria“ perché “Poste Italiane ha sempre rispettato le regole del mercato, della concorrenza e della tutela del consumatore“, ha dichiarato Sarmi, sottolineando di avere la “massima fiducia che l`accertamento si concluderà positivamente, confermando il pieno rispetto delle regole del mercato da parte di Poste Italiane“. L`indagine dei tecnici di Antonio Catricalà, destinata a chiudersi entro il 30 maggio dell`anno prossimo, riguarderà principalmente due punti: in primo luogo, gli accordi di fornitura siglati da Poste con i concorrenti nell`ampio arco temporale che corre dal dicembre 2000 al gennaio 2007; in secondo luogo, le previsioni contenute nel bando di gara emanato nel maggio 2007 in sostituzione dei vecchi contratti. Si tratta di clausole di esclusiva che di fatto impediscono alle agenzie di recapito di offrire i propri servizi ad imprese concorrenti di Poste. Più delicato l`aspetto dei contratti siglati con i concorrenti. Successivamente all`approvazione del decreto legislativo del 1999 sulla progressiva liberalizzazione dei servizi postali, secondo l`Autorità sono stati “paradossalmente“ sottratti al mercato alcuni servizi, fra cui quelli relativi alla posta ordinaria e raccomandata, offerti in precedenza da Poste e da una serie di altri operatori titolari di concessione. A seguito di tale decreto, Poste ha siglato contratti con circa 70 ex concessionari per esternalizzare alcuni servizi rientranti nell`ambito della riserva legale. Ma Poste, “grazie al suo potere contrattuale“, avrebbe vincolato l`attività degli ex concessionari, “riducendone la capacità competitiva e l`autonomia imprenditoriale, indebolendoli in vista della completa liberalizzazione in programma al massimo per il 2011“. È per questo motivo che, spiega il Garante, l`insieme dei comportamenti di Poste “potrebbero configurare una strategia unitaria mirante ad estendere e rafforzare la propria posizione dominante“. Immediata la reazione delle associazioni dei consumatori. Il Codacons esprime “soddisfazione“ per l`avvio dell`istruttoria, visto che “i cittadini italiani pagano carissimi i servizi postali ed eventuali limitazioni alla concorrenza finiscono per mantenere elevate le tariffe nel settore“. Ma l`associazione chiede di puntare i riflettori anche sul settore dei vaglia che dal mese scorso hanno una commissione di 2,5 euro: “un provvedimento abnorme e ingiusto che introduce un aggravio di spesa arbitrario e sproporzionato“. Sostegno anche dall`Aduc, che sottolinea però il tempo lungo dell`indagine (“Poste avrà il tempo di terminare lo “sterminio“ delle imprese alternative“) e la posizione del Governo, che permette ad un`azienda di sua proprietà di agire a discapito delle norme di mercato.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this