25 Maggio 2020

Abruzzo, riaprono le palestre: nodo indennizzi per gli abbonamenti

Riaprono oggi anche in Abruzzo palestre , piscine e centri sportivi, ma è caos sui rimborsi spettanti agli utenti. A denunciarlo è il Codacons , che ricorda come il Decreto Rilancio varato dal Governo preveda un indennizzo in favore degli utenti per i giorni di chiusura degli impianti. L’ attività di palestre, piscine e centri sportivi è stata sospesa per effetto del Dpcm del Governo firmato dal premier Conte lo scorso 9 marzo, e potrà riprendere solo a partire daoggi- spiega il Codacons – Questo ha comportato 76 giorni complessivi di chiusura degli impianti, e il diritto degli utenti al rimborso parziale degli abbonamenti. Lo stesso Decreto Rilancio, all’ articolo 216 comma 4, prevede in capo ai gestori degli impianti sportivi l’ obbligo di rimborsare i propri clienti per la chiusura degli esercizi , anche attraverso voucher di pari valore, utilizzabile entro un anno dalla cessazione delle misure di sospensione dell’ attività sportiva. Le palestre della regione , però, si sono mosse in ordine sparso: molte strutture hanno deciso di indennizzare i propri iscritti allungando il periodo di validità degli abbonamenti , altre hanno offerto corsi e lezioni via ; tutte opzioni facoltative che possono essere scelte dal consumatore come forma di indennizzo, ma che non escludono la possibilità degli utenti di chiedere e ottenere i rimborsi qualora non intendano avvalersi di tali offerte. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox