15 Agosto 2013

ABBANDONI DI ANIMALI Grazie ai ragazzi Oipa del canile di Pavullo n In questi giorni abbiamo …

ABBANDONI DI ANIMALI Grazie ai ragazzi Oipa del canile di Pavullo n In questi giorni abbiamo …

ABBANDONI DI ANIMALI Grazie ai ragazzi Oipa del canile di Pavullo n In questi giorni abbiamo letto che ci sono stati abbandoni di animali, cani maltrattati che anche come guardie eco-zoofile ci ha visti in prima linea, ma almeno, oltre alla malvagità di chi compie tutti questi atti esecrabili, vi è anche un rovescio della medaglia che è quello dei tanti volontari che si occupano dei nostri amici a 4 zampe sia nei canili che nei gattili o che si occupano di colonie feline nonostante il caldo e le ferie o ferragosto; alcuni di loro in particolare i volontari Oipa del canile di Pavullo in sinergia con Caleidos coop stanno facendo un ottimo lavoro in particolar modo i volontari Oipa che,da quando sono subentrati alla vecchia gestione, in poco tempo sono riusciti a dimezzare gli ospiti presenti da 300 che vi erano a poco più di 150 che attualmente sono , ma attenzione non dando il cane a chiunque si presentasse ma per ognuno degli amici che hanno trovato casa vi è stato un lavoro molto difficile da parte di Oipa, un lavoro certosino e capillare nel fare dei preaffidi per la valutazione dei canditati per l’ adozione fossero idonei e postaffido, almeno un paio di visite, per vedere se i presupposti iniziali siano rispecchiati. Ma vi è anche tutto l’ amore che ci mettono per accudirli e farli sentire meno soli. Bisogna prendere esempio. Giovannini Stefano Delegato Oipa Modena e Provincia Coordinatore guardie Eco-Zoofile DIALOGO TRA ANZIANI Berlusconi, Cassazione e “comunisti” nColta a volo. Fuori l’ edicola due anziani parlano della sentenza della Cassazione. Uno è rassegnato, l’ altro non si dà pace. Ripete sconsolato: «Sono arrivati in Cassazione. I comunisti sono dappertutto. Ma come hanno fatto? In Cassazione!». L’ altro, assenziente: «Che ci vuoi fare? È così, ormai…» Mentre parlano, li vedo davanti alle tv di Berlusconi, come milioni di anziani che non si perdono un programma. Quelli di intrattenimento pomeridiano, soprattutto. Non parlano di politica ma sono i più efficaci politicamente. Accennano, creano un clima di omologazione al mondo berlusconiano, ai suoi miti, alle sue trasgressioni, al suo non gridato, sussurrato, strisciante “me ne frego”. Fanno opinione senza darlo a vedere. Intorpidiscono e rimbecilliscono la terza età. Mi viene in mente Orwell e il Grande Fratello. Ma questa del Cavaliere, mi auguro dell’ ex, è propaganda più sottile, non parla alla ragione, seduce, come una droga dolce, un ‘amica che ti ruba l’ anima. Ezio Pelino SACCA Dissuasori stradali per pochi residenti nDissuasori che passione ! Quando ne hai uno sotto casa, affiancato vieppiù da cinque cassonetti per la differenziata diventa difficile vivere senza stress e riposare, di giorno e di notte, causa le vibrazioni prodotte dai mezzi in transito che sobbalzano sul dosso e dal viavai di camion operatori per la raccolta della differenziata. Via Diena, Buozzi, Grandi, e lo stesso viale Gramsci, così spesso citato nelle cronache di Modena come ghetto di delinquenza sono tutte strade chiuse, senza sbocchi se non sulla Canaletto, mentre via del Mercato e via Finzi sono dirette o sulla tangenziale o nella zona industriale Nord. Risultato: via Buozzi, che doveva essere una zona residenziale di pregio, è diventata zona di transito continuo di auto e mezzi pesanti. I dissuasori, e qui interpellerei anche il Codacons, non fanno parte della strada, non sono strutturali ma accessori che , in ultimi tempi, il Comune ha deciso di impiantare e non per una precisa esigenza di viabilità o scopo specifico progettuale ma su richiesta di una esigua parte di cittadini, preoccupati per un pericolo ravvisato nel transito occasionale di alcuni automobilisti irrispettosi dei limiti di velocità previsti in prossimità degli incroci tabellati (30km/h ) La decisione del Comune di penalizzare così residenti e fruitori tutti delle vie interne di comunicazione è antidemocratica perché soddisfa la richiesta di una esigua minoranza di residenti e figura come una ammissione di colpa nel non aver saputo valutare i pericoli di una lottizzazione abitativa: tafazziano ! La giunta è più interessata a seguire l’ ululare di un lupo piuttosto che ascoltare i belati del gregge che gli fornisce la lana? ( La Circoscrizione 2 è quella che premia il Pd con il maggior numero di consensi elettorali ) Intorno al 2006 la Circoscrizione aveva ottenuto la presenza del poliziotto di quartiere in viale Gramsci e laterali, figura ora scomparsa, anche se non aveva funzioni sanzionatorie ; i dissuasori di velocità non erano presenti in quanto si riteneva più utile investire in dissuasori della criminalità e disordine che sulla presunta insicurezza stradale. Oggi la gente si lamenta dei furti, degli scippi, delle presenze inquietanti che inducono al coprifuoco serale, però hanno ottenuto, sempre quei pochi cultori del principio precauzionale, che fossero piantati per terra dei dossi di plastica, cose inerti che non intimoriscono nessuno, che non fanno rapporto né multa, tanti pilateschi bacili in cui l’ assessore si può lavare le mani in caso di scontri negli incroci di pochi, come solito succede quando non si prende in considerazione la massa dei cittadini che lavora. Speriamo nel Codacons di Galli. Massimo Guerrini e Paola Lei.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox