3 Dicembre 2019

A scuola sprecato il 50% del cibo Preoccupanti i dati delle mense

LISSONE (poo) «Quali sono i dati relativi ai pasti serviti e non consumati nelle mense scolastiche?». Questa una delle richieste avanzate dal capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio comunale Pier Marco Fossati (nella foto) e indirizzate all’ assessore all’ Istruzione Renzo Perego. «Alcune portate sono regolarmente rifiutate dai bimbi e quindi si cercano proposte alternative e equivalenti da un punto di vista nutrizionale – ha precisato l’ assessore – Si cerca anche di abbinare i primi graditi con secondi piatti che notoriamente sono difficili e per evitare digiuni completi». Ma il vero dato è legato allo spreco del cibo, soprattutto quello che viene poi regolarmente buttato e non riutilizzato. L’ Amministrazione, tra le altre, ha analizzato anche il dato legato al servizio mesa in una scola della città. I cibi più scartati, e che quindi vengono buttati, sono i legumi, le erbette, le carote e l’ insalata. Ma ch’ è anche la polenta, il pane e il merluzzo con i pomodorini. Sul caso del servizio mensa a Lissone è intervenuto anche il Codacons. «A finire buttato è il 50-60% del cibo: perlopiù si tratta di verdure, pesce, formaggi, ma anche il pane hanno spiegato in un comunicato – Invieremo diffida all’ Amministrazione comunale di Lissone al fine di porre rimedio alla grave situazione di spreco riscontrata». Una vicenda che fa discutere. «Lo spreco alimentare è un inaccettabile paradosso nel nostro tempo – ha spiegato il presidente Marco Donzelli – Col cibo buttato vengono sprecati anche la terra, l’ acqua, i fertilizzanti, senza contare le emissioni di gas necessari per la sua produzione. Ridurre lo spreco di cibo significa pertanto salvare il pianeta».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox