fbpx
30 Luglio 2019

A Roma per il compleanno cade su banchina del Tevere

 

Sarà l’ autopsia a stabilire se il turista francese morto ieri a Roma era ubriaco. Il 19enne, nella Capitale con due suoi amici per festeggiare il compleanno, nella notte tra domenica e lunedì, è salito su un muretto del lungotevere ed è precipitato sulla banchina sottostante dopo un volo di circa 15 metri. L’ incidente è avvenuto all’ altezza di Lungotevere dei Tebaldi, al centro di Roma, e il ragazzo è morto sul colpo. Sul caso indagano i carabinieri che non escludono l’ ipotesi di un incidente, forse una bravata finita male. i militari hanno ascoltato i due amici che erano con lui, anche loro 19enni francesi. Da una prima ricostruzione sembrerebbe che mentre passeggiavano sul Lungotevere il 19enne sia salito sul parapetto e poi, perdendo l’ equilibrio, sia caduto giù. I tre amici erano in vacanza a Roma e alloggiavano in un b&b. La morte del ragazzo francese ricorda tante altre morti avvenute negli ultimi anni in circostanze simili. «Da tempo chiediamo di installare delle reti di sicurezza sul Lungotevere che, anche in caso di caduta accidentale, impediscano l’ impatto con la banchina, associandole a sistemi di rilevamento a distanza in grado di segnalare in tempo reale anomalie o situazioni di pericolo, e consentire l’ intervento immediato delle forze dell’ ordine e dei mezzi di soccorso», ha ricordato Carlo Rienzi, presidente del Codacons. Negli ultimi anni, infatti, almeno quattro le persone che hanno perso la vita su una banchina del tevere. L’ ultima risale allo scorso maggio: l’ ex campionessa di atletica tunisina Imen Chatbouri viene spinta giù da un romeno che aveva visto rifiutare le sue avance. riproduzione riservata.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox