3 Settembre 2020

A Ladispoli è Caravaggiomania: da oggi terza mostra sul pittore

ARTE Tutti pazzi per Caravaggio a Ladispoli. Si inaugura oggi la terza mostra dedicata al pittore lombardo. A esporre nel Centro di arte e cultura saranno artisti contemporanei che proporranno le loro interpretazioni moderne dei capolavori di Michelangelo Merisi. Ospiti nei locali di via Settevene Palo fino al 17 settembre saranno, tra gli altri, noti pittori come Pasquale Nero Galante, Giampaolo Atzeni e Lidia Bachis. Curatore della mostra il critico d’ arte Pierluigi Manieri, il taglio del nastro è previsto alle ore 18. L’ esposizione è un viaggio tra classico e moderno con contaminazioni artistiche che assemblano Caravaggio a immagini contemporanee, sognanti e fantascientifiche. La mostra si potrà visitare tutti i giorni dalle 9 alle 19, ingresso gratuito. Con l’ apertura odierna, saranno ben tre le mostre dedicate a Caravaggio visitabili a Ladispoli dove da tempo è in corso la rivendicazione dello sbarco e forse della morte del pittore sulla spiaggia di Palo. Eventi che stanno riscuotendo ampi consensi da parte del pubblico, oltre 5.000 persone da luglio a oggi hanno visitato nella sala dell’ hotel Villa Margherita la mostra delle copie museali di Caravaggio realizzate dagli artisti locali Felicia Caggianelli, Sergio Bonafaccia e Stefano Martini. Ottimo riscontro anche per l’ esposizione Caravaggio 2.0 con le interpretazioni delle opere di Michelangelo Merisi da parte di pittori di Ladispoli e Cerveteri. Le tre mostre in simultanea sono un nuovo tassello della Caravaggio mania che pervade la città dove si stanno susseguendo proposte e iniziative per rinsaldare il rapporto tra Ladispoli e il pittore lombardo. Sancito dalla targa marmorea installata dall’ amministrazione all’ ingresso nord della città, nei pressi del Centro di arte e cultura, e dalla cartellonistica sul lungomare. Negli ultimi giorni sono state rese note proposte come l’ intitolazione a Caravaggio del museo che sarà realizzato in un edificio dismesso dall’ Enel e acquisito dal Comune. Il Codacons ha invece ufficialmente chiesto alle Ferrovie dello Stato di intitolare a Michelangelo Merisi la stazione di Ladispoli. Gianni Palmieri © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox