16 Luglio 2019

A giugno rallenta l’ inflazione. Codacons: neanche i saldi aiutano

si consolida il quadro di bassa inflazione dell’ italia, dice l’ istat. per i prezzi al consumo, più 0,1% rispetto a maggio, più 0,7% su base annua. per il codacons, però, a luglio aumenteranno prezzi e tariffe nei trasporti e nel turismo
Inflazione in rallentamento. «Con i dati di giugno si consolida il quadro di bassa inflazione che caratterizza l’ Italia», dice l’ Istat a commento dei dati diffusi oggi sull’ inflazione. A giugno 2019 si stima che l’ indice nazionale dei prezzi al consumo per l’ intera collettività aumenti dello 0,1% rispetto al mese precedente e dello 0,7% su base annua (era +0,8% a maggio); la stima preliminare era +0,8%. Il lieve aumento su base mensile, spiega l’ Istat, è dovuto per lo più alla crescita dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+2,1%) , su cui incidono fattori stagionali, e che prevale sul calo dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (-1,1%), dei Beni durevoli (-0,8%) e dei Beni energetici non regolamentati (-0,7%). Rallenta anche la crescita dei prezzi dei prodotti di largo consumo, quelli che definiscono il carrello della spesa. Per Beni alimentari, per la cura della casa e della persona l’ inflazione passa da+0,3% a +0,2%, per i prodotti ad alta frequenza d’ acquisto va da +1,0%a +0,5%, portandosi anch’ essa al di sotto di quella riferita all’ intero paniere. Codacons: è crisi dei consumi L’ inflazione va giù perché crollano le vendite e neanche i saldi vanno tanto bene , commenta il Codacons, che ribadisce una generale crisi dei consumi. «Le famiglie non comprano – dice il presidente Carlo Rienzi – e hanno iniziato a tagliare anche su beni primari come gli alimentari; una situazione che si ripercuote in modo diretto sui listini al dettaglio, che crescono appena del +0,1% su mese e frenano al +0,7% su anno. Nemmeno i saldi di fine stagione, partiti in tutta Italia lo scorso 6 luglio , stanno aiutando il commercio, e le vendite risultano al di sotto delle aspettative in tutto il paese “. Attenzione, però. A luglio e agosto il Codacons prevede un’ inversione di tendenza dei prezzi, legato a rincari stagionali sui trasporti e sul turismo . «Il tasso d’ inflazione, tuttavia, è destinato a crescere a luglio, per effetto dei rincari della luce scattati a inizio mese, dei ritocchi delle tariffe telefoniche – dice Rienzi – ma, soprattutto, per l’ aumento di prezzi e tariffe nel comparto dei trasporti e del turismo, dagli stabilimenti balneari alle strutture ricettive , settori che in virtù di fattori stagionali rivedono al rialzo i listini tra luglio ed agosto».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox