20 Settembre 2011

A Carpi la vittoria sui Bond argentini

A Carpi la vittoria sui Bond argentini
 

Il mese scorso anche a Carpi una donna ha cantato vittoria contro un altro storico crac, ovvero i famigerati Bond argentini.
100 mila euro di capitale investito più gli interessi.
Questa la somma recuperata da una cliente della Cassa di risparmio di Carpi, ora confluita in Unicredit, grazie all’intervento del Codacons Emilia Romagna.
La donna ha così ottenuto dal Tribunale di Bologna un pieno risarcimento per aver investito, nel 2000, 100mila euro in titoli argentini.
L’associazione ha assistito la donna nella causa, conclusasi (salvo ulteriori gradi di giudizio) con la sentenza numero 2137 del 2011.
«Il Tribunale – si legge nella nota del Codacons di ieri – ha riconosciuto del tutto insufficienti le informative relative al rischio collegato ai bond Argentina date all’atto dell’acquisto alla risparmiatrice, considerando tale mancanza tanto grave da giustificare la risoluzione del contratto di acquisto».
Come se quelle obbligazioni non fossero mai state sottoscritte, insomma: il giudice ha quindi ordinato a Unicredit, spiega ancora il comunicato, «la restituzione dell’intera somma (100mila euro, ndr) oltre interessi legali dalla data dell’azione giudiziale al saldo, decurtata delle sole cedole percepite dal risparmiatore (nel caso di specie una sola nell’anno 2001)».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox