15 Dicembre 2001

8 negozi su 10 ritoccano i prezzi

Listini, in attesa dell`euro

8 negozi su 10 ritoccano i prezzi

ROMA. In vista dell`avvio dell`euro, i commercianti hanno già provveduto ad aumentare i listini. La denuncia è delle associazioni consumatori Codacons e Adusbef, secondo le quali fra ottobre e novembre solo 2 esercenti su 10 hanno tenuto fermi i prezzi mentre gli altri 8 li hanno aumentati, con incrementi medi del 20/40%. Non solo. Anche alcuni enti pubblici e molte grandi società hanno ritoccato i listini arrotondandoli per eccesso. Le due associazioni consumatori hanno pertanto deciso di presentare una raffica di denunce per truffa e aggiotaggio a 102 Procure della Repubblica di tutta Italia, alle quali chiedono di «sanzionare pesantemente lo scorretto comportamento degli esercenti». Codacons e Adusbef analizzano nel dettaglio come e in quale misura l`euro rappresenterà, a loro parere, “una mazzata storica per gli italiani“. Bar e caffè, per esempio, hanno già modificato i loro listini portando i prezzi ad «euro tondo» e arrotondando quello in lire per eccesso. Gli stessi gestori hanno inoltre avanzato la possibilità di portare il costo del caffè a un euro con il conseguente aggravio monetario per i cappuccino a un euro con il conseguente aggravio monetario per i consumatori. La tendenza predominante vede i venditori creare dei prezzi frazionati in lire (ad esempio L.8.543, L.3.063, ecc.) al solo scopo di far diventare «tondo» il prezzo in euro. Di conseguenza, al momento del pagamento, il consumatore si trova di fronte a degli arrotondamenti indiscriminati uasi sempre vanno a suo svantaggio.

    Aree Tematiche:
  • EURO
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox