8 Marzo 2004

8 MARZO: LA FESTA PERDE COLPI…

INTESACONSUMATORI STIMA UN CALO DELLE SPESE PER LA FESTA DELLE DONNE FINO AL 20% 250 MILIONI DI EURO LA SPESA COMPLESSIVA DEGLI ITALIANI






Addio feste a tema, ristoranti e regali per la festa dell?8 marzo. Un cambiamento di tendenza particolarmente evidente quest?anno secondo le stime di Intesaconsumatori.

?La festa dell?8 marzo ha perso il suo carattere rituale ? sostengono ADOC, ADUSBEF, CODACONS e FEDERCONSUMATORI ? facendo venire meno quella sorta di ghettizzazione del mondo femminile che aveva caratterizzato gli anni precedenti?.

E così dalle stime delle 4 associazioni emerge una flessione delle spese per l?8 marzo compresa tra il 15 e il 20%. Le donne abbandonano le feste a tema nei locali e le cene nei ristoranti e gli uomini limitano l?acquisto dei regali, anche se reggono ancora le classiche mimose. Alla base di tale calo dei consumi vi sono due principali ragioni: l?aumento del costo della vita e la parità da tempo raggiunta dalle donne nella nostra società, che non necessita più di feste e celebrazioni.

Il tutto porterà a una spesa complessiva per gli italiani pari a circa 250 milioni di euro così suddivisa:



MIMOSE E FIORI: 25 milioni di euro

RISTORANTI E FESTE A TEMA: 100 milioni di euro

REGALI VARI: 120 milioni di euro

SMS: 5 milioni di euro



?La festa delle donne deve essere tutti i giorni ? sostiene l?Intesa ? e i nostri migliori auguri vanno soprattutto alle massaie e alle consumatrici ogni giorno alle prese con la spesa quotidiana e con la fatica di far quadrare i conti di casa sempre più neri a causa del carovita dilagante?.


Intesa


Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox