17 Marzo 2010

3D:CODACONS MINACCIA CLASS ACTION A TUTELA SALUTE SPETTATORI

V. ‘3D: ESERCENTI CINEMA, NO A CAMPAGNA…’ DELLE 13.45

(ANSA) – ROMA, 17 MAR – Codacons minaccia class action contro
il Ministero della Salute e contro gli esercenti cinematografici
se non sarà seguito il parere espresso dal Consiglio Superiore
della Sanità riguardo agli occhiali 3d.
   "La salute degli spettatori viene prima degli interessi
economici e ci auguriamo che anche per il ministero della salute
sia così". Replica Codacons in un comunicato, alle
affermazioni degli esercenti cinematografici che oggi, tramite
le associazioni Anec e Anem, hanno invitato ad evitare misure
restrittive per gli occhiali 3d, a seguito del parere espresso
dal Consiglio Superiore di Sanità.
   "Dopo il parere del Css – afferma Carlo Rienzi, presidente
Codacons –  non esistono mezze misure: i film in 3d devono
essere vietati ai minori di anni 6, gli occhiali 3d devono
essere tassativamente monouso, mentre per gli adulti deve essere
fissato un intervallo proporzionato al tempo di proiezione".
   "Se il Ministero non adotterà queste tre misure – prosegue
Rienzi – saranno inevitabili azioni legali a tutela degli
spettatori, compresa una class action di cui l’associazione si
farà promotrice contro il Ministero della Salute e contro le
sale cinematografiche da parte di quei cittadini che
riscontreranno effetti collaterali riconducibili alla visione di
film in 3D".

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox