29 Ottobre 2017

CIMITERO Il Codacons di Latina diffida la società Ipogeo in relazione alla procedura di regolarizzazione delle sepolture. L’ associazione dei consumatori, con sede in via Bixio 31, contesta il manifesto affisso presso il cimitero di Latina relativo alla presunta Regolarizzazione della assegnazione di sepolture sprovviste di contratto. «Ai fini della richiesta regolarizzazione – spiega il responsabile del Codacons, Massimo Cusumano – viene sottoposto agli eredi un modulo prestampato da sottoscrivere immediatamente. Tale modello risulta del tutto sconosciuto all’ utenza, non è possibile averne una copia preliminare e prevede obblighi, anche finanziari, a carico degli eredi arrivando a impegnarli senza condizioni a tutte le future pretese di Ipogeo stessa». I contrasti tra Ipogeo e Comune di Latina si trascinano da anni creando notevoli incertezze sulla gestione del cimitero. In questo caso il problema riguarda un elevato numero di tumulazioni anteriori alla sottoscrizione del contratto tra il Comune e la società privata. «Tumulazioni – spiega il Codacons – che sono state effettuate secondo le disposizioni comunali vigenti all’ epoca dopo aver sottoscritto apposita proposta di acquisto seguita dal pagamento nonché dall’ assegnazione. Alcun contratto pertanto è necessario regolarizzare giacché il rapporto di fatto è venuto ad esistenza a seguito del comportamento concludente dell’ allora amministrazione comunale nonché del regolare pagamento di quanto dovuto. Pertanto alcuna occupazione abusiva può configurarsi nel caso in questione né tantomeno alcuna decadenza dalla concessione». Infine «nessuna informazione viene fornita sulla norma di legge in base alla quale si considera scaduta la concessione». © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox