25 Giugno 2020

SCANDALO “DIESELGATE”: PROPRIETARIO VOLKSWAGEN? AGISCI ADESSO PER CHIEDERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO!!

    Agisci con il Codacons per richiedere in Germania il risarcimento del danno per  tutti i veicoli le Volkswagen con motore 1.2, 1.6 e 2.0 TDI, EA189 diesel!

    IMPORTANTE: IL CODACONS, VISTO IL GRANDE NUMERO DI ADERENTI, HA DESCISO DI ESTENDERE IL TERMINE PER ADERIRE AL 7 AGOSTO 2020

     

    Agisci anche tu nei confronti di Volkswagen AG in Germania al fine di ottenere il risarcimento del danno subito  per aver acquistato un’automobile che, a causa dell’installazione di un  software illegale capace di truccare i risultati delle emissioni durante la fase dei test di omologazione, durante la guida su strada produce le emissioni reali di gran lunga superiori al limite massimo previsto dalla legge.

    I FATTI

    L’hanno definito “l’11 settembre delle auto”. E in effetti il “Dieselgate”, che ha travolto uno dei maggiori produttori di automobili al mondo, è lo scandalo del secolo: un terremoto scoppiato con la scoperta di un software, montato sui veicoli Volkswagen, capace di riconoscere la situazione di test e imporre al motore uno scarico di gas tossici da 10 a 40 volte inferiore al normale, che ha scandalizzato il mondo e costretto i vertici del Gruppo alle dimissioni. Tutti coloro che, a partire dal 2008/2009, hanno acquistato un’automobile del gruppo Volkswagen con motore 1.2, 1.6 e 2.0 TDI, tutti rientranti nella categoria del motore EA189 diesel, dunque, hanno comprato un veicolo che, nonostante l’omologazione, produce emissioni più alte di quanto previsto per il modello di appartenenza.

    Quella posta in essere da Volkswagen è, senza ombra di dubbio, una pratica commerciale scorretta nei confronti dei consumatori, che si sono trovati ad aver acquistato un bene con caratteristiche difformi da quelle dichiarate, e dunque hanno subito il danno derivante dal minor valore dell’automobile.

    Mentre in tutto il mondo Volkswagen è andata incontro a pesanti sanzioni, e ha provveduto al risarcimento dei danni causati ai consumatori, in Italia la tutela dei soggetti coinvolti è ancora lontana dell’essere effettiva.

    Il Tar del Lazio, con decisione del 31 maggio 2019 ora sottoposta al vaglio del Consiglio di Stato in appello, ha confermato la sanzione amministrativa di 5 milioni di euro comminata alla casa automobilistica tedesca dall’Antitrust nell’agosto  2016. La multa, tuttavia, non è diretta al risarcimento del danno dei singoli consumatori, avendo il fine di sanzionare il comportamento contrario alla normativa di cui al Codice del Consumo.

    Sul fronte penale, invece, la Procura di Verona ha aperto un procedimento per truffa in commercio contro i vertici italiani di Volkswagen Italia.

    Il Codacons, al fine di tutelare la posizione dei tantissimi consumatori danneggiati, ha preso parte a tale procedimento  nella qualità di persona offesa. I legali e i consulenti dell’associazione hanno partecipato a  tutte operazioni peritali disposte dal Tribunale,  dando un impulso fondamentale alle indagini e agli accertamenti tecnici.

    Tale attività ha portato all’importantissimo risultato della conclusione dell’incidente probatorio con l’accertamento dell’esistenza di un “defeat device”, ovvero dell’impianto che influisce sulle strategie di controllo delle emissioni allo scopo di ridurre le emissioni di ossido di azoto durante i cicli di omologazione su tutte le vetture esaminate.

    Nonostante sia stata riconosciuta l’illegittimità del comportamento di Volkswagen, però, il PM della Procura di Verona ha richiesto l’archiviazione del procedimento penale, ritenendo che non vi siano i presupposti per poter procedere per il reato di frode in commercio in relazione all’installazione del software che,  di fatto, consentiva  l’omologazione delle automobili anche in assenza del rispetto dei limiti di emissione, per mancanza di consapevolezza da parte di Volkswagen Italia di quanto stava accadendo, e, dunque,  per mancanza di dolo.

    In questo modo, rischiano di rimanere senza tutela le migliaia di consumatori italiani vittime del “Dieselgate”.

    Il Codacons, ritenendo che la decisione del Pm italiano, ove confermata, lasci privo di sanzione un gravissimo illecito in danno dei consumatori e dell’ambiente, ha proposto opposizione all’archiviazione, chiedendo la prosecuzione delle indagini.

    Se la richiesta del Codacons  dovesse essere accolta si aprirebbe nuovamente la strada del rinvio a giudizio, con conseguente possibilità per tutti i consumatori di costituirsi parte civile nel procedimento penale per richiedere il risarcimento del danno subito.

    Nel frattempo, in Germania, ove la casa madre tedesca, Volkswagen AG, ha già proceduto ad un imponente accordo per il risarcimento del danno a migliaia di consumatori, la  Corte Federale ha emesso una sentenza storica, condannando la casa automobilistica al risarcimento del danno nei confronti del proprietario un’auto truccata. La decisione ha sostanzialmente affermato il diritto del consumatore alla restituzione dell’automobile alla casa automobilistica e al rimborso del prezzo pagato  detratti unicamente i km percorsi.

    La consapevolezza o meno da parte dei vertici della società dell’esistenza del “defeat device” non è stata considerata rilevante, e dunque Volkswagen è stata ritenuta  responsabile nei confronti dei consumatori che, ignari, hanno acquistato un bene difforme da quello voluto.

    Un principio importantissimo quello espresso dalla giurisprudenza tedesca, che potrebbe aprire la strada, in Germania, al risarcimento del danno nei confronti di migliaia di consumatori rimasti ancora senza tutela.

    LA NUOVA AZIONE DEL CODACONS IN GERMANIA

    A fronte dell’inerzia delle istituzioni italiane che avrebbero dovuto tutelare i tuoi diritti, e in considerazione dell’importante principio affermato dalla Corte Federale tedesca, il Codacons ha deciso di avviare un’azione in Germania nei confronti della casa madre tedesca che controlla Volkswagen Italia, Volkswagen AG. 

    La nuova iniziativa è volta a richiedere in via stragiudiziale, in Germania, il risarcimento del danno subito, da tutti i consumatori aderenti, per aver acquistato un’automobile Volkswagen con motore 1.2, 1.6 e 2.0 TDI, EA189 diesel.

    La nostra Associazione, per il tramite dei propri legali e di uno studio legale partner in Germania, procederà a diffidare la casa automobilistica tedesca a riconoscere ai consumatori italiani il giusto ristoro del danno subito, alla stregua di quanto è avvenuto per i consumatori tedeschi, portando avanti tutta la fase delle trattative.

    Verrà richiesto il danno extracontrattuale per pratica commerciale scorretta in accordo alla giurisprudenza tedesca: il 15% del prezzo di acquisto. Il risarcimento dipenderà pertanto dal modello acquistato, con un range indicativamente tra 1500 euro e 6500 euro. 

    Qualora Volkswagen formuli una proposta risarcitoria, il Codacons provvederà a informare gli aderenti all’azione al fine di raccogliere le volontà di accettare l’accordo, seguendo tutta la fase di perfezionamento dello stesso.

    Tutta l’attività volta a giungere ad un accordo stragiudiziale non comporterà per gli aderenti alcun anticipo di spesa. 

    Solo in caso di esito positivo delle trattative, e dunque di perfezionamento dell’accordo transattivo, è prevista la corresponsione al Codacons di una percentuale, a titolo di rimborso delle spese sostenute, della somma che sarà  riconosciuta da Volkswagen, secondo le condizioni che saranno comunicate al momento dell’adesione all’azione.

    PER ADERIRE

    Se hai acquistato*, a partire dal 2008/2009, un’automobile del gruppo Volkswagen che, a prescindere dalla cilindrata, è equipaggiata con il motore “incriminato” (EA189) aderisci all’azione cliccando qui. In questo modo, potrai scaricare senza alcuna spesa tutti i moduli che dovrai restituirci compilati e le istruzioni da seguire per aderire.

    * E’ possibile aderire all’azione anche in caso di successiva alienazione dell’automobile.

        Previous Next
        Close
        Test Caption
        Test Description goes like this
        WordPress Lightbox