11 Ottobre 2020

AZIONISTA SAIPEM? AL VIA UNA SECONDA INDAGINE SUI VERTICI PER FATTI RISALENTI AL 2015, 2016 E 2017!

    PUOI SCARICARE SIN DA ORA LA NOMINA DI PERSONA OFFESA E GLI ALTRI DOCUMENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DEI DANNI SUBITI!

     

    Sulla vicenda Saipem la Procura di Milano ha avviato una ulteriore indagine nei confronti degli ex vertici amministrativi della società.

    I FATTI

    In particolare, l’inchiesta riguarda le false comunicazioni sociali relative ai bilanci 2015 e 2016, il reato di manipolazione del mercato commessa dall’ottobre 2015 all’aprile 2017 ed il falso in prospetto per l’aumento di capitale del gennaio 2016.

    Anche la stessa società Saipem risulterebbe indagata per gli illeciti amministrativi connessi alle condotte delittuose contestate alla governance.

    Anche in questo secondo filone di indagine, tutti gli azionisti che nei periodi oggetto di indagine erano già tali o che abbiano acquistato il proprio titolo in quei periodi o che abbiano sottoscritto l’aumento di capitale, possono, sin da ora, presentare la nomina di persona offesa nell’ambito dell’indagine della Procura di Milano.

    L’INIZIATIVA CODACONS

    La nomina di persona offesa è il primo atto che permette di segnalare la propria posizione agli inquirenti come soggetto danneggiato. In caso di rinvio a giudizio si potrà, successivamente, effettuare la costituzione di parte civile allo scopo di ottenere il risarcimento di tutti i danni subiti, sia come perdita finanziaria legata alle proprie azioni e obbligazioni, sia come danno morale.

    In caso di rinvio a giudizio, poi, potrai decidere liberamente se costituirti parte civile rivolgendoti a un legale di tua fiducia o al Codacons che, se vorrai, ti assisterà anche nella successiva costituzione in giudizio, ai costi che ti verranno indicati.

    In questa fase, intanto, il Codacons, per tutelare gli azionisti danneggiati, mette a disposizione gratuitamente per tutti i propri associati:

    1 – la nomina di persona offesa, da scaricare e inviare alla Procura di Milano;

    2 – un’istanza da indirizzare alla propria banca dove sono state acquistate le azioni Saipem al fine di richiedere la relativa documentazione utile;

    3 – un richiesta di risarcimento danni da indirizzare alla Saipem anche per interrompere i termini prescrizionali.

    PER ADERIRE

    Per aderire all’iniziativa e scaricare il modulo, clicca sul tasto PayPal di seguito.

    Una volta concluso il pagamento sarai reindirizzato in automatico alla compilazione del form d’iscrizione; se questo non dovesse accadere, clicca su “torna sul sito del venditore”per completare la procedura di iscrizione e scaricare il modulo.




        Previous Next
        Close
        Test Caption
        Test Description goes like this
        WordPress Lightbox