12 agosto 2017

Tutti in aula al Quadrifoglio 12 imputati e mille azionisti

Mai come oggi, alla luce del contrasto tecnico-giuridico in corso tra procura e tribunale sul crac legato all’ aumento di capitale (vedi a fianco), l’ udienza preliminare sul Crac Carife rappresenta la “prova del nove”, la prima verifica sulle ipotesi d’ accusa contestate dopo 2 anni e mezzo di indagine a 12 imputati per la bancarotta patrimoniale e i reati di aggiotaggio, falsi in prospetto e ostacolo alla vigilanza.L’ udienza, come già raccontato, si svolgerà in una aula straordinaria di tribunale, la grande sala del Centro sociale il Quadrifoglio di Pontelagoscuro, scelto per capienza e motivi di sicurezza. A questa udienza potranno presentarsi anche tutti i risparmiatori – solo gli azionisti del 2011 – per costituirsi parte civile. Agli atti sono stati conteggiati 664 risparmiatori, ai quali sono stati notificati (attraverso i propri legali o associazioni consumatori cui sono collegati) gli atti di fissazione delle udienza. Potranno però essere presenti, però, anche altri risparmiatori che in queste ultime settimane si sono raggruppati con le diverse associazioni consumatori (Federconsumatori, Adusbef, Codacons, Confconsumatori solo per citarne alcune) e saranno un migliaio gli azionisti. Il primo problema da risolvere, al di là degli sviluppi giuridici che verranno, è quello legato alla sicurezza: filtrare gli ingressi, consentiti solo agli azionisti convocati o che si costituiranno. E poi alla capienza della sala, che si aggira sui 5/600 posti con sforamenti non consentiti oltre, proprio per motivi di incolumità e per garantire uno svolgimento sereno e tranquillo dell’ udienza. Che secondo gli addetti ai lavori si protrarrà per mesi: solo per gli appelli e le eccezioni andranno via le prime udienze.