2 agosto 2017

“Kasko, ma non sempre e fotografate il vostro veicolo prima e dopo”

«Se affittiamo un’ auto durante le vacanze, è bene fare un album fotografico non solo della destinazione ma pure del veicolo, al momento del noleggio e quando lo riconsegniamo. È il modo più semplice per metterci al riparo da eventuali contestazioni delle compagnie», suggerisce Gianluca Di Ascenzo, vicepresidente del Codacons. Quali i reclami più frequenti? «Il deposito sulla carta di credito, che può superare il plafond fissato con la banca, o gli accessori che devono essere inclusi nel prezzo». In questi casi qual è la prima cosa da fare? «Il noleggio è un contratto. Bisogna leggere le condizioni, in particolare che cosa comprende l’ assicurazione e le franchigie previste per danni. E non bisogna voler risparmiare a ogni costo». Vale a dire? «Se affittiamo l’ auto per l’ intera vacanza, stipulare l’ assicurazione kasko è una buona idea. Altrimenti il rischio è che si spenda di più per uno specchietto rotto che per il noleggio». Allora, kasko per tutti? «No. Accertiamoci che cosa include la polizza. Non diamo nulla per scontato». Ecco il perché delle foto, giusto? «Sì. E, se abbiamo dubbi, l’ ideale è chiedere spiegazioni alla compagnia per iscritto». E alla riconsegna? «Restituiamo l’ auto nell’ orario d’ apertura della società per verificare, con un dipendente, le sue condizioni e conservare il verbale di riconsegna». Ma se, nonostante tutto, ci viene contestato un danno? «Si può presentare un reclamo attraverso il Centro europeo dei consumatori o contattare il Garante per la concorrenza». BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.
lorenza castagneri