30 luglio 2017

Debiti inesistenti, banca condannata

Importante sentenza del Tribunale del capoluogo che riconosce i diritti di un imprenditore calabrese nei confronti di una banca, colpevole di averlo segnalato per debiti inesistenti, riducendo la sua attività sul lastrico. Ne dà notizia il Codacons, che ha difeso il piccolo imprenditore nella causa contro la Banca Popolare delle Province Calabre. Il protagonista dell’ assurda vicenda è Cataldo Liotti, titolare dell’ azienda agricola Due Torri, 40 ettari di ulivi incastonati sulle colline catanzaresi, un agriturismo e la solidità di un patrimonio immobiliare, frutto di una vita di sacrifici. Tuttavia, nonostante un patrimonio stimato in circa 2 milioni di euro, Liotti si è ritrovato “segnalato” per uno scoperto, irrilevante quanto inesistente, di poche migliaia di euro. La segnalazione comporta che il segnalato sia considerato “inaffidabile” dall’ intero sistema creditizio e, quindi, immediatamente obbligato al rientro di tutti gli affidamenti e gli sarà preclusa ogni possibilità di accesso al credito, comportando danni enormi per chi la subisce. Nel caso di Cataldo Liotti – spiega il Codacons – quella segnalazione non solo ha impedito l’ accesso al credito, ma gli ha precluso la possibilità di godere delle moratorie dei mutui in corso nonché la possibilità di rinegoziare finanziamenti a tassi esorbitanti fino ad essere cancellato dai circuiti internazionali delle prenotazioni on-line. Praticamente un dramma. Che la segnalazione fosse illegittima, fin dall’ inizio, è stato sancito dal Tribunale del capoluogo che ha ribadito come, una volta appreso della asserita posizione debitoria, Liotti ha immediatamente provveduto a chiedere di poter rientrare attraverso pagamenti rateali allegando, a riprova della serietà della proposta, un primo versamento in acconto. Ma tutto si è rivelato inutile. E così, nonostante Liotti continuasse a versare somme per un debito probabilmente insistente, la Banca provvedeva a informare tutto il circuito bancario dell’ inaffidabilità dell’ imprenditore calabrese. Eppure Liotti era tutt’ altro che insolvente. «Dovremmo interrogarci sul motivo di tanta ingiustizia – ha affermato Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons che ha difeso il Liotti nelle varie fasi del giudizio – soprattutto se confrontiamo una siffatta inflessibilità con l’ evidente “buonismo” riservato dalla stessa banca quando concedeva credito senza adeguate garanzie, creando “perdite eccezionali” che hanno portato allo scioglimento della Banca Calabrese e quindi alla cessione, la prima nell’ era del bail-in, in favore della Banca Popolare di Bari, oppure quando si è deciso che alcuni crediti erano “inesigibili”, regalando, di fatto, soldi a tanti “fortunati” correntisti, sicuramente più “fortunati” di Cataldo Liotti». l’ Istituto di credito è stato “bacchettato” dai giudici catanzaresi che hanno restituito dignità a un galantuomo e condannato, anche per lite temeraria, la Banca Popolare di Bari, succeduta dal 1′ giugno 2016 alla Popolare delle Province Calabre. Si è stabilito, infatti, che dell’ errata segnalazione della Banca ceduta, risponde la Banca che le succede, evidenziando la totale “illegittimità della segnalazione del credito” e condannando la Banca “per lite temeraria”.